Ubriaco con il figlioletto prova a mettersi al volante, bloccato dalla Polizia

Lunedì sera si è svolto un servizio straordinario di controllo del territorio disposto dal Questore di Forlì, coordinato dal Posto di Polizia. Nel corso del servizio sono state controllate colonie abbandonate

Lunedì sera si è svolto un servizio straordinario di controllo del territorio disposto dal Questore di Forlì, coordinato dal Posto di Polizia (intervenuto con un Ispettore coordinatore e tre operatori)e con la partecipazione di due pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine Emilia-Romagna di Bologna (6 operatori) e di una della PolStrada del Caps di Cesena (2 operatori). Nel corso del servizio sono state controllate colonie abbandonate e alcuni esercizi pubblici.

UBRIACO A SPASSO CON IL PICCOLO - Sono stati effettuati alcuni posti di controllo lungo le principali vie di collegamento. Sono state identificate 25 persone, di cui 10 stranieri, controllati 13 veicoli. Un 31enne di San Mauro Pascoli, N.G. le sue iniziali, ha collezionato una denuncia per minaccia e resistenza a pubblico ufficiale a seguito di un increscioso episodio dovuto all’abuso di sostanze alcoliche. L’uomo era stato segnalato da un cittadino che, verso le ore 21.30, lo aveva notato ubriaco mentre percorreva viale Trento spingendo un passeggino con il figlio di appena un anno e mezzo.

VOLEVA SALIRE IN AUTO - All’arrivo degli agenti del Reparto Prevenzione Crimine aveva appena fatto sedere il piccolo in auto e si stava per salire per metter in moto e tornare a casa. Gli agenti, hanno accertato che palesava i segni tipici dell’abuso di alcolici, riuscendo a convincerlo a soprassedere dal suo intento. Sul posto è arrivata così la moglie, affinché provvedesse ad accompagnare tutti a casa.

ARRIVA ANCHE LA GUARDIA MEDICA - All’arrivo della donna, l’uomo ha insistito per mettersi alla guida, per poi iniziare ad inveire e colpire gli agenti che cercavano di impedirglielo. A questo punto i poliziotti non hanno potuto far altro che bloccarlo per evitare che creasse altri pericoli. Accompagnato al comando, ha proseguito imperterrito nel proferire frasi sconnesse, scalciando e offendendo tutti i presenti, fin tanto che si è resa necessaria anche la presenza di sanitari della Guardia Medica per tentare, anche in questo caso invano, di riportarlo alla calma.

DOPO ALCUNE ORE LA CALMA - Solo dopo alcune ore, terminato l’effetto eccitante delle sostanze alcoliche, è stato possibile riaffidarlo ai familiari. Oltre alla denuncia penale, l’uomo ha rimediato l’immancabile contestazione all’art. 688 del Codice Penale, che prevede la sanzione di 103 euro per chi viene colto in stato di manifesta ubriachezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

  • Violento scontro frontale sulla via Emilia, l'auto finisce nel fosso e traffico in tilt

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento