menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cesenatico, pattuglione della Polizia: tra liti, sospetti truffatori e il salvataggio di una cagnolina

Sono stati effettuati svariati posti di controllo ed interventi su richiesta dei cittadini

Gli agenti del posto di Polizia di Cesenatico, al comando dell'ispettore superiore Paolo Di Masi, sono stati impegnati in un servizio straordinario del controllo del territorio disposto dal questore Loretta Bignardi. Hanno preso parte all'attività tre pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine di Bologna, una della Polizia Stradale del Caps di Cesena, una della Polizia Municipale di Cesenatico e due del Posto di Polizia di Cesenatico.

Anche liti

Sono state controllate 46 auto e identificate 83 persone, di cui alcune stranieri. Sono stati effettuati svariati posti di controllo ed interventi su richiesta dei cittadini. Vi sono stati anche diversi litigi in strada, dovuti per lo più a futili motivi, risolti sul posto dal personale della volante del presidio, intervenuto su richiesta delle parti. Ai controlli straordinari del territorio vanno aggiunti anche le verifiche effettuate sui passeggeri che hanno usufruito del traghetto in partenza per la Croazia dal molo di Cesenatico che sono state circa un’ottantina.

Mezzi sospetti

Di rilievo è stato il controllo effettuato nell’area adibita a sosta caravan che si trova a ridosso della Statale e che ha permesso di individuare camper e autovetture segnalate in banca dati ad uso di soggetti specializzati in truffe e reati contro il patrimonio. Gli individui sono stati costretti a lasciare l’area, verosimilmente non ritenuta più “tranquilla”. 

Lieto fine

Gli agenti sono stati impegnati anche nel soccorso di una cagnolina di piccola taglia, fuggita dalla zona a ridosso delle colonie di Ponente, evitando che finisse investita in via Mazzini, dove faceva avanti ed indietro impaurita dallo sfrecciare delle autovetture. Solo l’intervento dei poliziotti ha fatto sì la cucciola venisse indirizzata in un cortile, dove è stata bloccata. Grazie all’ausilio di una pattuglia della Polizia Municipale, dotata di apposita apparecchiatura, è stato letto il dispositivo microchip che ha permesso di rintracciare la proprietaria che è accorsa sul posto, potendo così riabbracciare la sua amata cagnolina. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ristrutturare

Muri portanti: cosa c'è da sapere prima di modificarli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento