Il falò dei rifiuti in spiaggia costa caro, operaio edile denunciato

Da alcune matasse di cavo elettrico incendiate dall'uomo si è sprigionato un denso fumo nero

Giovedì, nel tardo pomeriggio, una pattuglia dell'Unità Antidegrado (servizio associato polizie municipali di Cesenatico e Unione Rubicone e mare) ha sorpreso nella spiaggia di ponente un uomo, poi identificato in D.B.N., 49 anni italiano di origini pugliesi ma residente in zona, mentre stava liberandosi di alcune matasse di cavo elettrico, prodotte in un cantiere edile. L'uomo le aveva accatastate in spiaggia ed aveva appiccato loro fuoco, producendo una densa nube nera e puzzolente. Praticamente sorpreso sul fatto, ha tentato di fuggire ma é stato raggiunto dagli agenti, che hanno anche provveduto a spegnere la pira. L'uomo, dipendente di una ditta edile del riminese, èstato deferito all'Autorità Giudiziaria per getto pericoloso di cose. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

Torna su
CesenaToday è in caricamento