rotate-mobile
Cronaca Cesenatico

Cesenatico, dopo le mareggiate partono i lavori di dissabiamento delle Porte Vinciane

Il Comune di Cesenatico interverrà dopo il maltempo delle scorse settimane

Le mareggiate che hanno sferzato la costa di Cesenatico purtroppo hanno lasciato il segno con il vento forte e la pioggia incessante che ha messo sotto pressione tutto il litorale. Il Comune di Cesenatico con i tenici comunali di Protezione Civile si è subito attivato per intervenire al ripascimento artificiale del litorale con sabbia di cava e con i lavori di dissabiamento delle Porte Vinciane con un investimento  di circa 90mila euro. Vista la natura emergenziale di questi interventi, resi necessari da condizioni di maltempo, la Giunta Comunale ha già incaricato i tecnici per una richiesta di finanziamento utile a coprire i costi dopo i sopralluoghi che sono stati effettuati insieme all'Agenzia Regionale di Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna. 

"Innanzitutto, ribadisco la mia vicinanza e di quella di tutta la Giunta agli stabilimenti balneari che hanno subito dei danni a causa delle mareggiate e voglio ribadire come il Comune di Cesenatico è al loro fianco - le parole dell'assessore Mauro Gasperini -. Ci siamo subito adoperati insieme ai nostri tecnici comunali e a quelli regionali per valutare i danni e mettere in atto le contromisure necessarie. Il dissesto idrogeologico e i cambiamenti climatici sono all’ordine del giorno e sono un tema da affrontare. Occorre anche una riflessione di più ampio respiro che tocchi i temi del ripascimento, degli interventi strutturali sulle scogliere, del dragaggio del porto canale e degli interventi sulle Porte Vinciane in maniera sistemica e non solo a carattere emrgenziale".

Il maltempo

Nei primi giorni di ottobre Il sistema di allerte meteo ha funzionato come sempre e i tecnici della Protezione Civile comunale insieme a Radio Soccorso e Cesenatico Servizi si sono adoperati per fare in modo che i danni alla spiaggia, agli stabilimenti balneari e all’abitato venissero contenuti al meglio. In totale si conta che siano andati persi circa 50.000 metri cubi di sabbia e il maltempo ha colpito in un periodo dell’anno, - in chiusura della stagione estiva, - in cui ancora la duna protettiva non era presente su tutta la costa di Cesenatico. 

Pur avendo colpito tutti i 7 chilometri di costa, I tratti che hanno subito maggiori danni sono stati quelli di Villamarina, Valverde e una parte delle Colonie di Ponente dove non c’è materiale sufficiente per erigere la duna protettiva e serviranno 7000 metri cubi di sabbia. In generale su tutto l’arenile si registra un arretramento della linea di battigia di 15 metri e abbassamento quota spiaggia di 0.40 metri.  Discorso a parte meritano le Porte Vinciane che sono rimaste chiuse come sempre per proteggere l’abitato e hanno svolto la loro funzione fondamentale ma hanno riscontrato problemi nella riapertura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cesenatico, dopo le mareggiate partono i lavori di dissabiamento delle Porte Vinciane

CesenaToday è in caricamento