Dal Nord Italia a Cesenatico per smaltire rifiuti: scoperta maxi discarica abusiva

Un traffico di rifiuti esteso al centro nord con una delle basi di stoccaggio a Cesenatico. L'operazione Caffè è durata quattro anni per intrecciare tutti i fili

Un traffico di rifiuti esteso al centro nord con una delle basi di stoccaggio a Cesenatico. L'operazione Caffè è durata quattro anni per intrecciare tutti i fili che portano ad un'unica persona: un cinquantenne di Lecco fermato a Pavia per associazione a delinquere e attività organizzata per il traffico illegale di rifiuti. Sono partite anche 47 denunce a piede libero per tutte le persone che costituivano un vero e proprio sistema di smistaggio di rifiuti che ha in Cesenatico una discarica a cielo aperto con trentamila metri cubi di sostanze.

L'area è a Zadina in corrispondenza dei civici 1333, 1336 e nel retro, oltre la recinzione, c'è il canale con le reti dei pescatori ben visibili tra un cumulo di rifiuti e l'altro. Un problema nel problema è che questi sono le punte degli iceberg visto che gran parte di scarti di plastica sminuzzata sono anche nel sottosuolo. Le indagini sono state condotte dal Nucleo operativo ecologico di Bologna in tandem con le caserme territoriali del 112.

Hanno scoperchiato un sistema che vedeva ditte lombarde, piemontesi, toscane e dell'Emilia Romagna sbarazzarsi a costo zero dei propri rifiuti: per lo più cavi elettrici. Tutto il materiale finiva in alcuni capannoni a Cesenatico, Arezzo e Alfonsine in provincia di Ravenna. Qui la merce giungeva come un un prodotto qualsiasi e non come rifiuto speciale; una volta stoccata, la plastica veniva separata dal rame che veniva poi rivenduto anche a sette euro al chilo. La plastica invece era sminuzzata e poi accatastata all'esterno in vere e proprie montagne.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attualmente tutta la zona è sotto sequestro dal 2008, ma l'area non è ancora bonificata. I rifiuti sono in bella mostra sotto dei teloni che ne evitano la diffusione. Un onere che ricade sulle amministrazioni locali e che potrebbe costare anche un milione di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento