Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Cesenatico, 229 osservazioni al Pug: semplificazione e incentivi per chi rigenera

Sabato 6 febbraio sono scaduti i termini per la presentazione delle osservazioni al Pug di Cesenatico

Sabato 6 febbraio sono scaduti i termini per la presentazione delle osservazioni al Pug, il nuovo strumento di pianificazione e sviluppo del territorio, che la Giunta comunale di Cesenatico ha assunto con delibera lo scorso 26 novembre e che dal 6 dicembre 2020 è in pubblicazione. 

Nel frattempo l’amministrazione comunale e l’Ufficio di Piano, coordinato dalla dirigente al settore Sviluppo del territorio Simona Savini, hanno organizzato due incontri riservati ai tecnici, una presentazione pubblica alla cittadinanza e due commissioni consiliari. Nei prossimi giorni proseguiranno i lavori della commissione consiliare competente, nel frattempo l’ufficio di piano inizierà a verificare i contenuti delle osservazioni che dovranno poi essere sottoposte all’attenzione di Giunta e Consiglio Comunale entro il mese di aprile per l’adozione del nuovo piano che poi sarà trasmesso al CUAV (Comitato Urbanistico di Area Vasta) che entro 120 giorni si esprimerà per la definitiva approvazione. Sono in totale 229 le osservazioni al PUG pervenute da cittadini e associazioni durante i sessanta giorni di pubblicazione degli elaborati, già da questi giorni l’Ufficio di Piano è al lavoro per la catalogazione e l’analisi delle osservazioni che poi saranno sottoposte al vaglio dell’amministrazione comunale.  

Semplificazione delle procedure e sgravi fiscali sulla rigenerazione sono due principi cardine del nuovo strumento urbanistico elaborato in stretta sinergia con la Regione Emilia-Romagna.

“Come è noto – spiega il Sindaco Matteo Gozzoli – l’impianto della nuova legge urbanistica regionale e quindi anche del PUG si basa su alcune macrostrategie. Oltre allo stop al consumo di nuovo suolo si innestano le politiche in grado di incentivare la rigenerazione urbana. Da questo punto di vista abbiamo operato rivedendo profondamente le norme e gli assetti ormai consolidati, anche nella mente di cittadini, tecnici e imprese legati ai principi del Piano Regolatore del 1998 che poggiava su basi normative completamente diverse rispetto al nuovo strumento.”

Poi prosegue il Sindaco che ha anche la delega allo sviluppo del territorio: “Vorrei sottolineare come nel nuovo piano abbiamo ampliato in modo consistente gli interventi sottoposti a permesso di costruire diretto. Si tratta di un aspetto che ancora in pochi hanno notato. In tanti, anche partiti politici, hanno commentato a mio avviso il nuovo piano senza approfondire attentamente alcuni sui contenuti di base, ma la nuova categoria di intervento denominata qualificazione edilizia, in linea con i principi della norma regionale consentirà a cittadini e imprese di intervenire per migliorare sismicamente o a livello energetico i propri edifici tramite semplici permessi di costruire diretti già ammessi dalle norme generali del piano. Grazie a questa nuova categoria possibilità, la rigenerazione del territorio potrà essere in gran parte affidata all’intervento diretto con una conseguente semplificazione delle tempistiche burocratiche e una riduzione dei tempi d’attesa considerevole.”

Interventi che, a loro volta, rispondono ad una disciplina edilizia ulteriormente semplificata, in cui i parametri di riferimento sono la superficie totale e la permeabilità dell’area. Occorre aggiungere inoltre che sotto il nome di ristrutturazione urbanistica il Comune di Cesenatico prevederà la possibilità di attuare interventi più complessi che possono riguardare anche la riqualificazione di spazi e aree oggi degradate tramite permesso di costruire convenzionato, uno strumento agile che consentirà di ridurre i tempi del rilascio dei permessi. Gli interventi più complessi ed estesi saranno invece attuati tramite accordi operativi, nei casi in cui siano coinvolte nelle trasformazioni aree pubbliche. Oltre alla netta riduzione dei tempi burocratici vi è un ultimo aspetto che sarà inserito negli allegati del PUG. L’amministrazione sta lavorando ad un pacchetto di misure che vadano ad incentivare le operazioni di recupero del patrimonio produttivo e di quello turistico-ricettivo. 

"Vogliamo – conclude il Sindaco – fare la nostra parte nel sostegno alle imprese e al lavoro per incentivare la ripartenza dell’economia. In attesa di capire se il nuovo Governo applicherà il bonus 110 anche agli hotel e al comparto ricettivo, prevederemo importanti riduzioni degli oneri di urbanizzazione per chi interviene in progetti di rigenerazione alberghiera con riduzione anche fino al 50% degli oneri previsti per legge mentre in generale porremo attenzione a tutti gli interventi che porteranno ad un miglioramento sismico ed energetico sulle civili abitazioni. Nella cosiddetta transizione ecologica anche il Comune di Cesenatico vuole fare la sua parte", le parole del Sindaco Matteo Gozzoli. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cesenatico, 229 osservazioni al Pug: semplificazione e incentivi per chi rigenera

CesenaToday è in caricamento