menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cesenate ucciso in Brasile, l'assassino ha un nome. "Tutti sanno che fine ha fatto"

Come riporta la stampa brasiliana, tra cui Folha de S.Paulo, l'assassino è Valdenisson dos Santos Falcào, tossicodipendente della zona

Ha un nome l'assassino di Gabriele Gigli, il 64enne cesenate che lo scorso dicembre ha trovato la morte ad Itaunas, piccola località brasiliana in cui si era ricostruito una vita.

Come riporta la stampa brasiliana, tra cui Folha de S.Paulo, l'assassino è Valdenisson dos Santos Falcào, tossicodipendente della zona, definito accanito consumatore di crack. In pratica la polizia brasiliana che ha diffuso le generalità lo sta ancora cercando come "latitante" ma l'uomo subito dopo il feroce delitto è stato in pratica linciato dalla folla, ucciso e fatto sparire.

La stampa locale racconta la dinamica del delitto, l'omicida ha pedinato l'ex moglie, entrata nell'abitazione di Gigli. Dopo aver visto i due in atteggiamenti intimi ha atteso il cesenate davanti all'ingresso della casa e lo ha brutalmente colpito con una pietra, uccidendolo.

Dopo il delitto è scattata la furia dei residenti della piccola comunità di pescatori, che non fanno mistero sul fatto che l'omicida è stato trovato e ucciso in una sorta di vendetta. "Tutti sanno che fine ha fatto, è stato ucciso", spiegano gli abitanti di Itaunas. Un epilogo tutt'altro che inusuale in particolare nei piccoli villaggi del Brasile. L'evolversi della vicenda dimostra comunque che Gigli era benvoluto e apprezzato nella comunità in cui viveva ormai da qualche anno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento