Giodì, Escudero: "Ci vogliono togliere il diritto al divertimento"

"Ormai sono due anni che sono il proprietario e gestore del bar Giodì e ogni anno la relazione col vicinato è andata peggiorando". Inizia così la lettera del gestore

“Ormai sono due anni che sono il proprietario e gestore del bar Giodì e ogni anno la relazione col vicinato è andata peggiorando specialmente perché loro hanno dalla loro parte l’illustre sindaco, che ha fatto di questa situazione una crociata personale contro me e la mia attività". Inizia così una lettera-sfogo di Luis Villegas Escudero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Voglio innanzitutto chiedere scusa ai vicini per il rumore che possono causare alcuni dei miei clienti e amici, ma non posso ormai stare più in silenzio, quando leggo le affermazioni che ha fatto il nostro caro sindaco sulla situazione di martedì sera al Giodì”.

“Io mi sento orgoglioso di aver creato una situazione tale in cui cesenati e studenti possono uscire e divertirsi insieme e la prova di questa cosa, anche se il sindaco non lo vuole vedere, è la solidarietà di queste persone che proprio martedì sera ci hanno appoggiato. C’erano studenti, giovani di Cesena e fuori Cesena, che credono ancora nel diritto al divertimento, cosa che questo sindaco ci vuole togliere. La dimostrazione in piazza Isei e nel locale è solo l’inizio, perché noi e i giovani che stanno a Cesena siamo stufi di questa condotta dittatoriale che ha preso il comune nei confronti di alcuni locali di Cesena e in special modo nei confronti del Giodì".

“Il comune mi accusa di non aver rispettato le ordinanze ma questa è una falsità che si può dimostrare attraverso i documenti che ho presentato nei limiti di tempo prestabiliti. Loro non mi possono proibire di lavorare soprattutto perché sono stato io il primo a proporre al comune un piano alternativo per risolvere tutta questa situazione. La mia domanda è: la serata di martedì 2 ottobre, a chi ha fatto più male? Ai vicini che si lamentano per il rumore o al sindaco di Cesena con tutte le false promesse che aveva fatto? Il signor sindaco ha chiesto aiuto al questore perché ha paura della sicurezza dei giovani di Cesena. Io allora mi faccio un’altra domanda: la prossima volta che il Giodì aprirà, manderà la polizia con i manganelli?”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento