Venerdì, 12 Luglio 2024
Cronaca

Il festival del cibo di strada si fonde con la notte della cultura

Un week end, quello dal 5 al 7 ottobre, in cui note e cucina andranno a braccetto. Oltre venti stand saranno posizionati in Piazza del Popolo e quattordici formazioni artistiche

Cibi da tutto il mondo, arte, musica, teatro di strada e dell'improvvisazione. Il festival internazionale del cibo di strada si unisce alla notte per la cultura in un week end, quello dal 5 al 7 ottobre, in cui note e cucina andranno a braccetto. Se oltre venti stand saranno posizionati in Piazza del Popolo, quattordici formazioni artistiche faranno da cornice speziando l'evento con l'atmosfera tipica dei buskers. Tra le curiosità imperdibili ci sono: Cortomobile il cinema più piccolo del mondo, il nano Morris, il gruppo rockabilly The Strikeballs e il concerto dei Gattamolesta.

«La nostra idea – ha detto il sindaco Paolo Lucchi - è quella di far passeggiare per il centro le persone mentre gustano del buon cibo. Quest'anno potranno godere degli spettacoli lungo le vie con la possibilità data ai negozianti di restare aperti».
Gli artisti saranno disposti dalla Barriera fino al Duomo e dal palazzo del Capitano fino a Piazza della Libertà il cuore pulsante del festival. Per quanto riguarda i prezzi degli stand, dall'organizzazione assicurano che saranno in linea con le passate edizioni.

Graziano Gozi di Confesercenti mostra i numeri di un evento che promette bene. «Questo è un evento che attira persone da fuori città, gli alberghi vicini al centro sono già pieni e nell'area ippodromo ci sono 150 camperisti». L'assessore alla Cultura Elena Baredi ha aggiunto la possibilità, per questo week end, di frequentare in orari straordinari la Malatestiana e anche la mostra al Capitano intitolata “Resistenze” e dedicata al Lavoro. «E' una mostra colta per tutti» ha detto con un sorriso.

L'edizione di quest'anno si caratterizza anche per l'attenzione particolare all'ambiente grazie all'utilizzo di materiali biodegradabili. Saranno presenti anche stand dalla Russia, dalla Romania e dal Kurdistan iracheno e, per la prima volta, ci sarà un focus sull'alimentazione curato dall'università di Scienze degli Alimenti. Si chiama Basefood e, venerdì alla Crc di via Tiberti alle 16, ospiterà il seminario dedicato allo street food mentre sabato mattina alle 10,30 saranno presi in esame gli alimenti tradizionali del Mar Nero.

per info:www.confesercenticesenate.com

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il festival del cibo di strada si fonde con la notte della cultura
CesenaToday è in caricamento