Lucchi: "Con la scomparsa di Fioravanti, Cesena perde uno dei suoi figli"

Il sindaco: "Sicuramente Ilario Fioravanti ha sempre lavorato con il cuore, come dimostrano gli edifici da lui progettati, le sculture che arricchiscono molti spazi cittadini, le altre sue opere presenti in vari luoghi di Cesena

"Con la scomparsa di Ilario Fioravanti, Cesena perde uno dei suoi figli più illustri, sensibili e generosi, e per questo molto amati". Inizia così la lettera di cordoglio inviata dal sindaco Lucchi. "A testimoniarlo l’attenzione e l’affetto che la città gli ha tributato sempre, sia in occasione degli eventi espositivi di cui è stato protagonista negli ultimi anni, sia quando, nel novembre 2009, gli fu attribuito il Premio Malatesta Novello".

"Lo avevamo incontrato solo pochi mesi fa, - prosegue Lucchi - quando fu collocata una sua opera al Cimitero Urbano: il suo fisico era già debole, ma non così il suo sguardo, che era ancora quello, limpido e penetrante, dell’artista impegnato a scandagliare incessantemente l’animo umano, per interpretarne le fragilità e le aspirazioni, così come ha fatto per tanti anni attraverso le sue sculture, i suoi disegni, le sue incisioni.
La sua vocazione artistica era stata precoce e profonda, e il maestro Fioravanti l’ha portata avanti con incrollabile fedeltà in tutte le stagioni della sua vita, trovando modo di esprimerla – come i grandi del Rinascimento - non solo attraverso le discipline canoniche, ma anche nella sua professione di architetto perché, come lui stesso ha affermato,  “tutte le arti si possono trovare nell’architettura, a patto che l’architetto lavori con il cuore”."

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E sicuramente - conclude - Ilario Fioravanti ha sempre lavorato con il cuore, come dimostrano gli edifici da lui progettati, le sculture che arricchiscono molti spazi cittadini, le altre sue opere presenti in vari luoghi di Cesena. Questa presenza diffusa – declinata attraverso i suoi lavori – è l’eredità che oggi ci lascia,  segno del suo amore per la città. Alla signora Adele e alla famiglia del maestro Fioravanti desidero esprimere la vicinanza e cordoglio mio personale e dell’intera città.  Li rinnoverò alla cerimonia funebre in Duomo, mercoledì pomeriggio, dove rappresenterò il Comune di Cesena, accompagnato gonfalone. Saranno  presenti anche i Sindaci e i gonfaloni di Savignano e Roncofreddo".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento