"Maratona alcolica" a Cesena, Lucchi si schiera contro la Baratona

"Sbagliata, pericolosa, irrispettosa". Questo il punto di vista dell'amministrazione di Cesena in merito alla "maratona alcolica", che in una delle prossime serate dovrebbe toccare alcuni locali del centro per iniziativa di un'associazione studentesca

“Sbagliata, pericolosa, irrispettosa”. Questo il punto di vista dell'amministrazione di Cesena in merito alla "maratona alcolica", che in una delle prossime serate dovrebbe toccare alcuni locali del centro per iniziativa di un’associazione studentesca. Il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore allo Sviluppo del Territorio Matteo Marchi hanno appena inviato una lettera a Confcommercio, Confesercenti, Cna, Confartigianato e alle associazioni degli studenti universitari per chiedere loro di intervenire presso le imprese coinvolte e presso gli organizzatori per distoglierli dal proposito.

Nella stessa lettera si comunica che l’Amministrazione ha preso contatti con le forze dell’ordine perché’ vigilino sull’iniziativa. "Abbiamo letto di una presunta “Baratona” che prevederebbe, a breve, una sorta di “maratona alcolica” tra alcuni locali del nostro centro storico - esordiscono Lucchi e Marchi -. Viene aggiunto che la “Baratona” sarebbe organizzata da un’Associazione universitaria denominata “Cesena underground”,  sulla quale non abbiamo informazioni e che non ci risulta essere tra quelle che in questi anni hanno intrattenuto rapporti di collaborazione con il nostro Comune e con l’Università".

Lucchi e Marchi parlano di iniziativa "sbagliata, pericolosa, irrispettosa della nostra città, dei suoi valori e delle regole di convivenza civile alle quali tutti ci rifacciamo". Quindi si rivolgono alle "imprese a voi associate e presso gli stessi organizzatori, per dissuaderli dalla volontà. Nel frattempo, già in mattinata abbiamo preso contatto con le forze dell’ordine cesenati, per invitarle a vigilare sull’iniziativa, anche con l’obiettivo di dissuadere gli organizzatori dallo svolgerla".

LE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE - Le Associazioni Studentesche Analysis, A.St.I.Ce, MyS.T.A, SPAZI e S.P.R.I.Te, si dissociano dalle finalità e dal modus operandi del gruppo “Cesena Underground”. Sottolineano che "“Cesena Underground” non è un'associazione universitaria in alcun modo riconosciuta ma, soltanto, un gruppo di privati costituito da universitari e non".

Ribadendo di non esser contrarie "all'aggregazione o alla creazione di nuovi gruppi", le Associazioni Studentesche evidenziano "che il nostro modello di divertimento è quello che da anni portano avanti le Associazioni Studentesche cesenati, che nella loro attività hanno da sempre cercato di coadiuvare gli aspetti più meramente ludici e ricreativi, anche nella stessa serata, a quelli più sociali e culturali, ritenendo “l'ubriacarsi fine a sé stesso” un modello di divertimento triste e povero".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le cinque Associazioni universitarie riconosciute dall'Università di Bologna e dal Comune di Cesena, ci tengono a sottolineare che "non hanno mai collaborato con il gruppo “Cesena Underground” e che non intendono instaurare alcun tipo di collaborazione.Ringraziamo quindi l'Assessore Marchi, il Sindaco Lucchi, gli esercenti e le organizzazioni che per anni hanno supportato il lavoro e lo spirito delle Associazioni Studentesche cesenati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento