rotate-mobile
Cronaca

Addio maestro Sughi

Il cordoglio del sindaco: "Quando muore un artista, l'intero mondo diventa più triste e solo"

Il sindaco Paolo Lucchi ha espresso il cordoglio per la morte del noto artista cesenate Alberto Sughi, spentosi all'età di 84 anni. “Quando muore un artista, l’intero mondo diventa più triste e solo. Ma il dolore è più grande per chi ha avuto la fortuna di conoscerlo. E Cesena, che ad Alberto Sughi ha dato i natali e che ha assistito all’avvio della sua carriera artistica, oggi ne piange la scomparsa”.

“C'è la consapevolezza di aver perso un figlio straordinario e geniale, che attraverso le sue opere ha saputo raccontare come pochi le angosce e le contraddizioni dell’uomo contemporaneo, ma che è stato anche un protagonista della vita culturale e civile cittadina, facendo parte anche del consiglio comunale dal 1975 al 1979 - ricorda il primo cittadino cesenate -. Figura di primo piano della ‘Scuola cesenate’, con la sua poetica personalissima e il suo linguaggio espressivo di indubbio valore ha saputo creare memorabili cicli pittorici, da “La cena” al “Teatro d’Italia”, che lo hanno fatto riconoscere universalmente come uno dei punti di riferimento dell’arte italiana contemporanea”.

“Da molti anni, ormai, non viveva più stabilmente a Cesena – anche se in tanti ancora ricordano il suo studio ‘appollaiato’ sul torrione di piazza del Popolo – ma il legame con la città non si era mai spezzato - continua Lucchi -. Un vincolo  ricambiato dai cesenati, che gli hanno sempre dimostrato grande attaccamento, come in occasione della grande mostra antologica a lui dedicata nel 2007 alla Biblioteca Malatestiana. Allora, lo stesso artista confessò di essere rimasto colpito e commosso dai tanti segni di affetto ricevuti, e ricambiò con generosità, rendendosi disponibile a numerose visite guidate e a incontri con il pubblico e, soprattutto, lasciando in dono alla città uno dei dipinti esposti”.

“Addio Maestro Sughi, e grazie per averci fatto guardare gli uomini e il mondo attraverso il suo sguardo profondo e attento. In questo momento doloroso, un pensiero particolare ai figli Serena e Mario Alberto e ai familiari  tutti, ai quali desideriamo esprimere la vicinanza e cordoglio personale e dell’intera città”, conclude il sindaco.

IL RICORDO DI FORLI' - A nome della Giunta e del Consiglio comunale, il Sindaco di Forlì Roberto Balzani testimonia i sentimenti di cordoglio e di partecipazione al lutto per la scomparsa del grande artista. "Grazie all’alto valore della sua opera culturale, Sughi ha rappresentato l’intero territorio romagnolo ai massimi livelli nazionali e internazionali, mantenendo aperto un confronto e un dialogo proficuo e prestigioso fra città e territori - evidenzia Balzani -. Egli era molto legato a Forlì, dove aveva anche una residenza nel cuore del centro storico, e Forlì era particolarmente legata a lui, al pittore e all’uomo. In questo triste momento, la Città partecipa al dolore dei familiari e saluta con affetto e ammirazione uno dei grandi esponenti dell’arte contemporanea del nostro Paese.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio maestro Sughi

CesenaToday è in caricamento