Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Un vecchio magazzino del pesce si trasforma nel Centro Universitario di Produzioni Ittiche

Il Centro, dedicato al professor Massimo Trentini, primo coordinatore del corso di laurea in Acquacoltura e ittiopatologia prematuramente scomparso nel 2011, si trova nell’area portuale di Cesenatico

È stato inaugurato venerdì a Cesenatico il Centro Universitario di Produzioni Ittiche del Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie dell’Università di Bologna (Via Magrini, 31), alla presenza del rettore Francesco Ubertini, dell’assessore regionale all’Agricoltura, Caccia e Pesca Simona Caselli e del sindaco di Cesenatico Matteo Gozzoli oltre ad altre autorità locali.

Il Centro, dedicato al professor Massimo Trentini, primo coordinatore del corso di laurea in Acquacoltura e ittiopatologia prematuramente scomparso nel 2011, si trova nell’area portuale di Cesenatico e nasce grazie alla ristrutturazione di un vecchio magazzino del pesce in disuso. Oltre al contributo dell’Ateneo, la realizzazione del nuovo Centro si è resa possibile grazie al supporto del Comune di Cesenatico, alla Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena e ad un donatore privato.

Il Centro, dalla superficie complessiva di 1.500 metri quadrati, è una struttura didattico-scientifica dotata di tre aule, un laboratorio didattico attrezzato per attività esercitazionali, biblioteca e aula studio in grado di ospitare più di 200 studenti. Gli spazi a disposizione permetteranno di potenziare le attività didattiche e di formazione legate al settore dell’acquacoltura precedentemente svolte presso la sede di Via Doria. 

Attualmente sono presenti una laurea triennale in Acquacoltura e Igiene delle Produzione Ittiche, attiva da vent’anni, un Master di I livello in Acquacoltura e Ittiopatologia, oltre a corsi di formazione per operatori del settore provenienti da altri paesi del Mediterraneo commissionati dal Ministero delle Affari Esteri e Cooperazione Internazionale o la Fao.

Per il prossimo anno, invece, è previsto al piano terra del Centro l’inizio dei lavori per l’allestimento dell’area sperimentale dotata di vasche per la stabulazione e studio degli animali acquatici che occuperà una superficie complessiva di 800 metri quadrati e che permetterà di sviluppare ulteriormente le attività di ricerca già in corso a Cesenatico sull’allevamento, alimentazione, riproduzione e salute dei pesci allevati.

L’apertura del Centro Universitario rappresenta un consolidamento e potenziamento delle attività didattiche e di ricerca del Dipartimento e dell’Ateneo nell’ambito dell’acquacoltura, un settore in forte crescita, riconosciuto come strumento strategico per lo sviluppo agro-alimentare europeo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un vecchio magazzino del pesce si trasforma nel Centro Universitario di Produzioni Ittiche

CesenaToday è in caricamento