rotate-mobile
Lunedì, 26 Settembre 2022
Cronaca

Centri estivi comunali, nuovo inizio per 580 bambini e bambine tra divertimento e socializzazione

“I servizi didattici per l’infanzia – commenta l’Assessora ai Servizi per la Persona e la Famiglia Carmenlina Labruzzo – anche quest’anno con l’arrivo dell’estate lasciano il posto ai centri estivi che per l’intero mese accoglieranno i più piccoli "

Prima campanella per i centri estivi comunali. Sono 580 i bambini da uno a sei anni che dalle 7,30 di questa mattina, zaino in spalla, hanno iniziato a frequentare i centri estivi organizzati in 16 sezioni della scuola dell’infanzia presso le scuole Fiorita, Mulini, San Mauro, Ippodromo e Vigne Parco e 11 sezioni di Nido distribuite tra i plessi scolastici Vigne Parco, Mulini e Ippodromo. 

Il divertimento e la socializzazione alla base di tutto. Tra esperienze di gioco ed educazione in mezzo a piante e animali, e anche attività sportive e ludico/artistiche, tra pittura, ascolto suoni della natura e disegno, i bambini e le bambine frequenteranno i centri estivi da oggi al 30 luglio, dal lunedì al venerdì, dalle 7,30 alle 16,30. Sono invece 64 gli insegnanti impiegati insieme a 6 per i piccoli utenti con disabilità, 27 ausiliari e 7 cuochi. “I servizi didattici per l’infanzia – commenta l’Assessora ai Servizi per la Persona e la Famiglia Carmenlina Labruzzo – anche quest’anno con l’arrivo dell’estate lasciano il posto ai centri estivi che per l’intero mese accoglieranno i più piccoli dando modo alle mamme e ai papà di conciliare facilmente i tempi familiari alla sfera professionale. I centri estivi hanno proprio questo duplice obiettivo: da una lato rappresentano la prosecuzione dell’offerta didattica autunnale e invernale e dall’altro sono un vero e proprio sostegno per le famiglie. In un centro estivo – prosegue l’Assessora – i bambini e le bambine possono trovare tutto quello di cui hanno bisogno per soddisfare la loro voglia di divertirsi e di stringere relazioni. In questo senso ringrazio tutte le insegnanti e gli animatori specializzati che hanno definito un’offerta didattica ricca di proposte outdoor, e dunque all’aperto, a contatto diretto con la natura”.

Ai Centri estivi comunali, a cui il Comune ha destinato 689 mila euro in riferimento al 2022 e 2023, si aggiungono tutti i centri privati accreditati: 39 presenti a Cesena e ulteriori 8 nei restanti comuni della Valle del Savio (Bagno di Romagna, Mercato Saraceno, Montiano, Sarsina e Verghereto).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centri estivi comunali, nuovo inizio per 580 bambini e bambine tra divertimento e socializzazione

CesenaToday è in caricamento