menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cento anni dalla morte di Nazzareno Trovanelli, la Malatestiana lo ricorda

Ricorrono esattamente oggi, venerdì, i cento anni dalla scomparsa di Nazzareno Trovanelli, storico, giornalista ed intellettuale cesenateche ha legato la sua fama alla storia della città e alla Biblioteca Malatestiana

Ricorrono esattamente oggi, venerdì, i cento anni dalla scomparsa di Nazzareno Trovanelli (Forlimpopoli, 1855 - Cesena, 1915), storico, giornalista ed intellettuale cesenate a cavallo tra '800 e '900, che ha legato la sua fama alla storia della città e alla Biblioteca Malatestiana. Per ricordarlo, giovedì 26 marzo alle 17 nella Sala Lignea della Biblioteca Malatestiana, Giordano Conti, presidente dell'associazione “Amici della Malatestiana” presenterà il libro “Per le vie di Cesena” di e su Nazzareno Trovanelli. All’incontro parteciperanno anche l’assessore alla Cultura del Comune di Cesena, Christian Castorri e Marzio Casalini, l’editore de Il Ponte Vecchio che ha dato alle stampe il volume.


 

Tra 1895 e 1907 Trovanelli pubblicò a più riprese sul suo giornale “Il Cittadino” diversi articoli su Cesena, “che da soli – spiega l’editore - basterebbero a sostenere come egli sia stato il più acuto e minuzioso fra i nostri storici”. Per commemorare l’anniversario della sua scomparsa Il Ponte Vecchio ha ritenuto interessante riprendere in mano quegli scritti, raccoglierli in un volume e arricchirli di immagini evocative per riconsegnare alla memoria dei cesenati uno dei grandi intellettuali della sua storia. In appendice al volume si possono trovare un saggio di Dino Bazzocchi, direttore della Biblioteca Malatestiana dopo la morte di Renato Serra e uno scritto di Sergio Camerani in occasione dei 50 anni dalla scomparsa di Trovanelli. “Bazzocchi – riferisce l’editore - scrive parole che ci toccano profondamente, perché stringono insieme Trovanelli e Serra, così vicini in vita, così prossimi nella morte. Di entrambi ora commemoriamo il tempo della loro fine, e perché la città abbia buoni strumenti per ricordare, proponiamo con questo libro e con altri dedicati ai caduti cesenati della prima guerra mondiale (“Verificato per censura”) e a Renato Serra (“Esame di coscienza di un letterato”, “Le lettere e la storia”) una vasta operazione della memoria”.


 

“E’ davvero interessante recuperare figure come quella di Trovanelli – spiegano il Sindaco, Paolo Lucchi e l’Assessore alla Cultura, Christian Castorri – perché andando a rileggere i suoi scritti si riscopre una Cesena d’altri tempi, quella alla vigilia del Primo Conflitto mondiale. Ed è un modo per non disperdere un patrimonio fatto di memoria e tradizione da lasciare come testimone alle prossime generazioni di cesenati”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento