rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Cronaca

Cda partecipate, il Comune dice sì a quote rosa e a tagli di stipendi

Mentre si apre la stagione dell'approvazione dei bilanci societari, l'Amministrazione comunale di Cesena indica i criteri che la guideranno in occasione delle assemblee delle sue partecipate. A farlo sono il Sindaco Paolo Lucchi e il Vicesindaco Carlo Battistini

Mentre si apre la stagione dell’approvazione dei bilanci societari, l’Amministrazione comunale di Cesena indica i criteri che la guideranno in occasione delle assemblee delle sue partecipate. A farlo sono il Sindaco Paolo Lucchi e il Vicesindaco Carlo Battistini con una lettera indirizzata ai capigruppo consiliari. Fra i punti salienti, in primo luogo, c’è la valutazione dei risultati, non solo in termini meramente economico–finanziari, ma anche dal punto dei vista della qualità dei servizi offerti, della capacità di contribuire all’occupazione e allo sviluppo, della “sobrietà dei costi e dei comportamenti”.

In linea con questo orientamento si pone la proposta successiva di ridurre i compensi dei nuovi amministratori, nel momento in cui si debbano rinnovare i cda e gli organi di controllo: accadrà, ad esempio, nell’assemblea di Cesena Fiera, per la quale Sindaco e Vicesindaco anticipano già l’intenzione di proporre una diminuzione del 25% dei compensi per i nuovi organi sociali.

E mentre viene ribadito l’impegno a prevedere ‘quote rosa’ nella governance delle partecipate, in ossequio alla doverosa rappresentanza di entrambi i generi, l’Amministrazione comunale di Cesena mette l’accento sul particolare momento in cui si svolgeranno i rinnovi delle cariche in scadenza quest’anno, cioè a un anno dalle elezioni amministrative. Per questo, il Sindaco Lucchi e il Vicesindaco Battistini esprimono l’intenzione di chiedere, laddove le nomine degli organi societari dipendano dal Comune e gli statuti lo consentano, di limitare a un anno la durata degli incarichi, in modo che la prossima Amministrazione comunale, scaturita dal voto, non sia costretta ad ‘ereditare’ nomine fatte da altri ma possa procedere in autonomia, secondo i propri orientamenti, seguendo una logica molto vicina a quella dello spoils system applicato nel sistema di governo degli Stati Uniti. \

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cda partecipate, il Comune dice sì a quote rosa e a tagli di stipendi

CesenaToday è in caricamento