Stop al servizio navetta per pazienti oncologici, l'Ausl replica alla Lega: "Utenti informati"

"L’Ausl - viene spiegato si è attivata mesi prima della sospensione, informando le associazioni dei pazienti nelle sedi preposte e coinvolgendo i diversi interlocutori"

"Non risponde al vero affermare che il servizio di trasporto sociale dei pazienti cesenati che necessitano di sottoporsi a trattamento radioterapico sia stato interrotto improvvisamente e senza alcun preavviso, e che l’Ausl non si sia “interessata per tempo”. L’Ausl, al contrario, si è attivata mesi prima della sospensione, informando le associazioni dei pazienti nelle sedi preposte e coinvolgendo i diversi interlocutori". L'Ausl Romagna replica così al consigliere regionale della Lega Massimiliano Pompignoli, il quale ha portato il caso con un'interrogazione in Regione.

"Più precisamente, l’Azienda a settembre ha incontrato operatori infermieristici del servizio di Oncologia dell’Irst e che hanno contatto con il pubblico, per informare più efficacemente gli utenti, tant’è che tutti i pazienti che avevano richiesto l’utilizzo del pulmino hanno usufruito del servizio fino al termine delle loro cure - precisa la nota dell'azienda sanitaria romagnola -. Ancora più tempestivamente, in data 5 maggio, è stato dedicato all’argomento un tavolo del Comitato Consultivo Misto che, si ricorda, raggruppa rappresentanti dell’Ausl e delle Associazioni di tutela dei cittadini e dei pazienti e del mondo del volontariato. Nel merito della scelta, a seguito della sospensione del servizio – presente in Ausl Romagna solo nel Cesenate e non comune in altre aziende sanitarie – sono stati attivati i percorsi già utilizzati negli altri ambiti territoriali aziendali dove questo tipo di servizio non era presente".

L'Ausl sottolinea che per i pazienti impossibilitati a spostarsi con un mezzo proprio in quanto privi di patente o di accompagnatori, o comunque in condizioni sociali difficili, "esistono percorsi ad hoc. Sul territorio è presente una preziosa ed efficace rete di volontariato sociale in grado di assicurare una serie di trasporti sociali e, già da diverso tempo, l’Irst di Meldola fornisce, tramite lo Ior, un servizio gratuito di trasporto Navetta. E’ infine ovvio che per tutti quei pazienti che si trovano in non buone condizioni di salute, tali da richiedere uno spostamento protetto, l’Azienda garantisce come sempre il trasporto sanitario". L’Ausl fa altresì presente che "questo servizio veniva richiesto da un numero limitato di utenti: su 1.441 terapie effettuate nell’arco di un trimestre i pazienti cesenati che hanno utilizzato il pulmino sono stati 15. Infine, l’Azienda contempla al momento anche la possibilità di parziali rimborsi chilometrici per l’utilizzo del mezzo proprio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 40 disobbedienti della scampagnata senza mascherina, Rosso: "Irresponsabili? No, siamo sani"

  • Scampagnata al Fumaiolo: "La libertà ha un prezzo più alto delle multe, continueremo ad incontrarci"

  • Tante classi in quarantena ed un morto, l'evoluzione del virus nel Cesenate

  • Parrucchieri, gommisti e spesa alimentare, il governo aggiorna le "faq": gli spostamenti ammessi

  • Preso in pieno all'incrocio, paura per un ciclista travolto da un'auto

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

Torna su
CesenaToday è in caricamento