menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rocca Malatestiana, ricorso rigettato: ora potrà essere operativa al 100%

Il giudice del tribunale amministrativo ha condannato inoltre l'associazione Aidoru alle spese di giudizio

Con la sentenza del Tar che ha rigettato il ricorso dell'associazione Aidoru contro il Comune per il bando che vedeva come nuova aggiudicataria la pugliese, Agorosophia, si chiude la vicenda legale relativa alla Rocca Malatestiana. Il Tar, dopo aver analizzato i documenti, ha ritenuto che non sussistessero elementi gravi riguardanti Agorosophia a livello di Agenzia delle Entrate e che l'associazione, una volta che le sono stati richiesti i documenti, si è subito messa in regola (l'Agenzia delle Entrate ha approvato una sua richiesta di rateizzazione in riferimento alla regolarità contributiva di un precedente debito).

Ora quindi la Rocca può tornare a essere operativa al 100%. "Siamo finalmente nelle condizioni di sottoscrivere il contratto con la ditta vincitrice del bando - commenta l'assessore alla cultura Castorri - che potrà iniziare da subito a lavorare per una funzionale fruizione della Rocca rivolta ai cesenati e ai turisti. Ciò conferma, come speravamo, la precisione dei percorsi amministrativi seguiti e ci rende felici che ci sia la possibilità di lasciare una gestione della Rocca nel pieno delle sue funzioni". Il giudice del tribunale amministrativo ha condannato inoltre l'associazione Aidoru alle spese di giudizio, liquidate in 8 mila euro. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Piccoli ma sorprendenti: i musei più curiosi dell'Emilia Romagna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento