menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Più sicurezza per i pazienti: alla Casa di Cura "San Lorenzino" inaugura la "Recovery Room"

La nuova Recovery Room, che ha richiesto un investimento di circa quattrocentomila euro, è dotata di quattro posti letto e si collega direttamente alla sala operatoria

La Casa di Cura Cesenate San Lorenzino arricchisce ancora di più la propria capacità sanitaria con l'inaugurazione sabato 2 dicembre della nuova “Recovery Room” dedicata alla terapia intensiva post operatoria dove potrà essere realizzata una migliore sicurezza per i pazienti ed in particolare quelli obesi. In contemporanea, nella sala conferenze, si terrà un convegno dedicato alle problematiche dell'obesità che sempre più si stanno affermando come un male nella nostra società.

La nuova Recovery Room, che ha richiesto un investimento di circa quattrocentomila euro, è dotata di quattro posti letto e si collega direttamente alla sala operatoria. Accoglierà ed assisterà i pazienti per un tempo che può variare dai trenta minuti fino alle dodici ore. “E' un momento importante e fondamentale quello post operatorio - sottolinea il dottor Axel Arista - in quanto il paziente è ancora in stato critico. In maniera particolare quelli obesi che già di per sé hanno difficoltà a respirare, qui potranno riacquistare la loro funzionalità dopo intervento grazie alle macchine , ma anche grazie ad un controllo sistematico di personale sanitario preposto ed addestrato allo scopo”.

Non tutti i pazienti operati dovranno passare necessariamente da questa Recovery Room ma in particolare, ribadisce il dottor Raffaele Bisulli: "Saranno i pazienti obesi sottoposti a intervento di chirurgia bariatrica. Questa Casa di Cura è specializzata sul problema dell'obesità  dove svolgiamo circa duecento interventi di chirurgia bariatrica all'anno". Nella nuova sala per la Terapia Intensiva Post Operatoria sono presenti attrezzature con tecnologie touch-screen di ultima generazione, sia per il supporto di funzione respiratoria dei pazienti che per il monitoraggio dei parametri clinici. "Con questa nuova struttura - sottolinea il dottor Angelo Michele Schettino specialista in malattie dell'obesità e del metabolismo - rafforziamo ancora di più il fatto di essere centro accreditato della Società Italiana di Chirurgia dell'Obesità e delle malattie del metabolismo (S.I.C.OB.). Per far toccare con mano la qualità dei nostri interventi chirurgici durante il convegno sull'obesità del due dicembre si potrà assistere in diretta dalla sala operatoria della Casa di Cura ad un mio intervento di approccio laparoscopico in chirurgia bariatrica".

IL CONVEGNO

Il convegno su “Obesità: un problema sociale - approccio psiconutrizionale e/o chirurgico” si terrà il 2 dicembre nell'Aula Didattica E. Piccinini in via Natale Dell'Amore 15 a Cesena. I lavori inizieranno alle 9 con l'introduzione di Bisulli, presidente della Fondazione “E. Bisulli”, alle 9,15 relazionerà il professore Luca Busetto, dell'Università di Padova, su “Epidemiologia e clinica dell'obesità, approccio multidisciplinare, seguirà alle 9,45 l'intervento di Primo Vercilli, dietologo, che parlerà di “Cibo come vera terapia”. Alle 10 sarà la volta del professore dell'Università di Bologna Alessandro Agostini  che toccherà l'argomento della “Psicologia Clinica e obesità. Il problema delle diagnosi”. Dopo il coffe break delle 10,30 Angelo Michele Schettino, in diretta dalla sala chirurgica della Casa di Cura, attuerà un “Approccio laparoscopico in chirurgia bariatrica”. Il convegno terminerà alle 12,45.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento