menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carabinieri di Cesenatico, il nuovo comandante arriva dalla trincea della criminalità organizzata

Al capitano Francesco Esposito, a Cesenatico da 4 anni circa, subentra il capitano Flavio Annunziata, 37 anni, che arriva da diversi anni di servizio operativo ad Aversa

Cambio al vertice nella guida della compagnia carabinieri di Cesenatico, una delle quattro compagnie territoriali afferenti al comando provinciale di Forlì. Al capitano Francesco Esposito, a Cesenatico da 4 anni circa, subentra il capitano Flavio Annunziata, 37 anni, che arriva da diversi anni di servizio operativo ad Aversa, in provincia di Caserta. Una sorta di staffetta nord-sud, dal momento che Esposito da domenica si troverà al comando della compagnia carabinieri di Crotone, in Calabria, uno dei territori “di confine” per quanto riguarda la malavita in Italia. Anche Annunziata approda a Cesenatico, per il suo primo incarico da comandante di compagnia, dopo aver guidato per alcuni anni nuclei specializzati nelle investigazioni nel Reparto Territoriale di Aversa, un'area di grande densità criminale comune e organizzata, essendo l'agro aversano uno dei “feudi” dei Casalesi. 

Esposito spiega di lasciare a malincuore la Romagna, “dove si tocca con mano la collaborazione dei cittadini con le forze dell'ordine e dove mi sono trovato come a casa fin dai primi attimi”. Il comandante uscente ha lodato il territorio di cui è stato responsabile per la sicurezza (i comuni di Cesenatico, Gatteo, San Mauro Pascoli, Savignano sul Rubicone, Longiano, Sogliano, Roncofreddo e Borghi) come contraddistinto da un'elevata qualità della vita. “Qui ho maturato un bagaglio professionale che mi ha arricchito – spiega – e di cui farò sempre tesoro”. Prendendo il testimone del comando a Cesenatico Flavio Annunziata, originario di Torre Annunziata (Napoli) , sposato e con un figlio, ha aggiunto: “Mi entusiasma il nuovo incarico a Cesenatico per l'importanza turistica, industriale ed economica di questa terra”. E conclude: “Come da tradizione di vicinanza dell'Arma alla popolazione, sono qui per raccogliere le istanze di sicurezza della cittadinanza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento