menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I carabinieri dicono definitivamente addio allo storico comando di via Montanari

Tutti i Reparti della Compagnia, infatti, a seguito della predisposizione da parte del Comune di un'area di parcheggio antistante la sede attuale, hanno trovato ormai collocazione in viale Bovio

I carabinieri dicono addio per sempre alla loro "storica" caserma di via Montanari. In verità il comando della compagnia già da alcuni anni si è trasferito in una sede provvisoria su viale Bovio, dopo che appunto la caserma di via Montanari era stata dichiarata inagibile in alcune sue parti. Tuttavia la vecchia sede è rimasta comunque nella disponibilità dell'Arma come depositivo logistico e rimessa dei mezzi di servizio.

Ora rientra nella disponibilità del suo proprietario, la Provincia di Forlì-Cesena. C'è stato un sopralluogo venerdì mattina all'ormai ex caserma dei Carabinieri di Cesena. Hanno partecipato all'attività il capitano della Compagnia, il maggiore Diego Polio, un ufficiale logistico inviato dal Comando Generale ed un funzionario della Provincia di Forlì-Cesena. Le chiavi del'immobilesono state quindi restituite. Tutti i reparti della Compagnia, infatti, a seguito della predisposizione da parte del Comune di un’area di parcheggio antistante la sede attuale, hanno trovato collocazione in viale Bovio.

La Provincia da parte sua intende alienare l'edificio, mettendolo in vendita per qquasi tre milioni secondo l'ultimo bando pubblicato a gennaio. Servono però altre centinaia di migliaia di euro per restaurarlo e renderlo agibile. L’edificio è situato nel centro storico di Cesena a fianco del teatro comunale “Bonci”, fra via Montanari, via Isei via Mura Porta S. Maria, e insiste su un lotto della superficie di 2.449 metri quadri. Una porzione risulta inagibile per crollo in atto dal 2009, mentre la struttura è sotto il vincolo storico-artistico. Per questo l'asta è andata deserta ed ora si va alla trattativa diretta. Il prezzo base della trattativa è 2.880.000 euro. Neanche un anno fa la Provincia chiedeva 3,6 milioni.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento