rotate-mobile
Cronaca

Cani eroi per i salvataggi in mare, prof e studenti diventano "figuranti": una lezione fuori dagli schemi

Le classi coinvolte, dalla prima alla quinta, radunate nella spiaggia di Cesenatico sono state accolte dalla vice sindaco Fantozzi Lorena, e sono stati ospiti del Bagno Milano di Simone Battistoni

“Se è noto quel che si dice che un cane è il miglior amico dell’uomo, forse non tutti sanno che un cane può salvarti la vita e dimostrarsi un valido e prezioso aiuto in caso di annegamento in mare. È quello che hanno appreso sabato 30 aprile le studentesse e gli studenti dell’Istituto Superiore Pascal Comandini di Cesena che hanno preso parte, insieme ai loro docenti, al progetto Cani eroi. Giornata nazionale del mare.

Le classi coinvolte, dalla prima alla quinta, radunate nella spiaggia di Cesenatico sono state accolte dalla vice sindaco Fantozzi Lorena, e sono stati ospiti del Bagno Milano di Simone Battistoni, che è anche presidente della cooperativa bagnìni di Cesenatico, presso il quale i nostri amici a quattro zampe tutte le domeniche prestano servizio. Tutti insieme , le numerosi classi, circa duecento alunni, hanno assistito alle operazioni di salvataggio ad opera dei volontari e dei cani della Scuola italiana Cani di Salvataggio sezione Veneto Emilia Romagna gestita da Nicoletta Ferrulli, Andrea Schiavon e Fabio Benetti. Questa scuola è la più grande organizzazione nazionale dedicata alla preparazione dei cani e dei loro conduttori, che collaborando insieme formano le Unità Cinofile.

Alcuni professori e alunni, muniti di muta, si sono calati nella parte dei “figuranti” e finto di annegare.  Hanno, così, sperimentato sulla propria pelle cosa vuol dire essere salvati da un cane, la sua tenacia, la sua determinazione, la sua forza motrice in acqua  e soprattutto la sua fedeltà alla causa nel portare in salvo chi si trova in una situazione di pericolo in mare.  Questa volta in cattedra sono saliti Brooke, Ben, Rolex, e Goldy cani brevettati da diversi anni e in attesa di intraprendere la stessa strada, anche i più giovani Jack e Kruger. 

Non solo, i volontari della Sics hanno colto l’occasione per illustrare agli alunni anche le norme corrette per vivere il mare in piena tranquillità, dal rispetto delle regole di balneazione all’attenzione nel saper leggere la segnaletica che delinea l'area stessa , la cui correttezza ci aiuta ad evitare pericoli, senza trascurare il rispetto per gli animali che popolano l’ambiente sottomarino che devono essere lasciati liberi di nuotare e continuare a vivere. 

Quella che hanno vissuto gli studenti è stata una lezione fuori dagli schemi, fuori dalle aule, osservando l’ambiente circostante e non i libri, all’insegna dell’educazione civica: i ragazzi muniti di guanti e di sacchetti dell’immondizia hanno insieme ripulito dalla plastica la spiaggia in cui sono stati. Lezione importante di questa giornata è stata lasciare il mondo migliore di come lo si è  trovato e dell’importanza del volontariato stesso anche quando è a quattro zampe e scodinzola di felicità.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cani eroi per i salvataggi in mare, prof e studenti diventano "figuranti": una lezione fuori dagli schemi

CesenaToday è in caricamento