Seppellisce il cane in Piemonte, ritrovato in spiaggia a Cesenatico

Il 14 novembre scorso la polizia municipale di Cesenatico ha ricevuto la segnalazione dello spiaggiamento di un sacco dal quale emergevano ciuffi di pelo. Il sacco era stato buttato dal mare in battigia

Il 14 novembre scorso la polizia municipale di Cesenatico ha ricevuto la segnalazione dello spiaggiamento di un sacco dal quale emergevano ciuffi di pelo. Il sacco era stato buttato dal mare in battigia nei pressi dello stabilimento balneare "Bagno Marconi". Una pattuglia, inviata sul posto, ha aperto il sacco ed ha dovuto constatare che al suo interno vi era il cadavere di un cane. Ma, per fortuna, non si è trattato come poteva sembrare in un primo momento del maltrattamento e uccisione di animali domestici.

Il sacco ed il suo contenuto sono stati infatti posti sotto sequestro e consegnati all'istituto zooprofilattico di Forlì. Con la strumentazione in dotazione gli agenti intervenuti sono riusciti a leggere il codice del microchip applicato all'animale. Dal codice si è così risaliti al proprietario dell'animale, che è risultato essere tale D.P., di 64 anni, residente a Villanova Monferrato, in provincia di Alessandria.

Con la collaborazione della Polizia Municipale di Villanova M. si è quindi così scoperto che il cane era morto all'inizio del mese di novembre ed il padrone lo aveva seppellito in un terreno posto nella golena del fiume Sesia. Nei giorni seguenti una piena del fiume aveva trascinato via l'animale. Con la corrente fluviale quindi il cadavere è disceso lungo il Sesia, affluente di sinistra del Po, e quindi il fiume Po, fino a raggiungere il mare Adriatico e poi spiaggiare a Cesenatico.

A carico del proprietario dell'animale ora, oltre alla richiesta di rimborso delle spese di prelevamento, custodia e smaltimento del cadavere del cane, sarà elevata una sanzione pecuniaria di 3.000 euro per violazione delle norme in materia di smaltimento di sottoprodotti di origine animale (e la carcassa del cane morto rientra in questa definizione, che deriva dal Regolamento CE n. 1774/2002, recepito nel d.lgs. n. 36/2005).

A questo proposito si informa che quando muore un animale da compagnia (cane, gatto, ecc.), è fatto obbligo per i proprietario di procedere in alternativa:
1) al seppellimento (almeno un metro sotto terra in sacco chiuso con calce), se si ha a disposizione un proprio terreno non soggetto ad allagamenti/alluvioni, ovvero non in prossimità di pozzi;
2) all'incenerimento, tramite veterinario o previa certificazione veterinaria.

Il decesso del cane andrà altresì comunicato all'anagrafe canina, che in Emilia Romagna è gestita dai Comuni.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • Cresce la curva dei contagi, "focolaio" in un caseificio. Il Covid torna ad uccidere nel Cesenate

  • Titolare del chiosco e attrice, una cesenate protagonista in tv ai "Soliti ignoti"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento