rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Infrastrutture

"Un patrimonio da sostenere": il Canale Emiliano Romagnolo vale all'anno oltre 300 milioni di euro

Lo studio agro-economico-ambientale, e che riguarda le aree servite dal canale a Bologna, Ferrara, Modena, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini, conferisce all'opera idraulica stime precise di ingente valore

Oltre 300 milioni di euro, per la precisione 324 milioni l’anno, rappresentano la positiva sintesi dei valori economici complessivi generati dal Canale Emiliano-Romagnolo nel territorio in cui è presente, ovvero a Ferrara, Modena, Bologna, Ravenna, Rimini e Forlì-Cesena. Una somma ingente ed un valore economico/occupazionale straordinario e costante calcolata sulla base dei benefici diretti e indiretti per lo stesso comprensorio di riferimento. La positiva valutazione arriva per la prima volta come notizia dal capillare ed approfondito studio durato 2 anni, realizzato dall’ente stesso in collaborazione con lo staff tecnico-scientifico esperto di Nomisma e illustrato all’Oratorio di San Filippo Neri a Bologna in occasione del Centenario Anbi dalla nascita della bonifica moderna.

Lo studio, che ha visto la collaborazione fattiva anche di portatori di interesse e realtà accademiche, si basa sull’analisi di tutti i possibili benefici generati dal Canale Emiliano Romagnolo in favore del territorio dell’Emilia-Romagna grazie alle attività quotidiane delle proprie infrastrutture idrauliche e del loro utilizzo “ad hoc” da parte del personale del Canale, alla intensa e ormai ultra-sessantennale attività di ricerca in campo sul risparmio idrico condotta nei laboratori di Acqua Campus Abi (polo tecnico-scientifico con sede a Budrio, nel Bolognese) e alla pianificazione e gestione irrigua realizzata puntualmente ogni anno, in collaborazione con gli Enti associati (Consorzio della Bonifica Burana, Consorzio della Bonifica Renana, Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara, Consorzio di Bonifica della Romagna Occidentale, Consorzio di Bonifica della Romagna, Ravenna Servizi Industriali) e numerosi portatori di interesse del territorio. 

Gli esiti finali di quest’analisi sono raccolti e approfonditi all’interno di una pubblicazione dal titolo “Il valore del Canale Emiliano-Romagnolo”, al cui odierno evento di presentazione, coordinato dal giornalista Andrea Gavazzoli, sono intervenuti alcuni tra i maggiori stakeholder per cui il Cer riveste valore essenziale, grazie al proprio apporto idrico e alle proprie conoscenze specifiche e aggiornate di studio: Ravenna Servizi Industriali, Romagna Acque, Patfrut, Cestha-Centro Sperimentale Tutela Habitat; Alma Mater Studiorum-Università di Bologna, Macfrut – Cesena Fiera, Orogel, Emil Banca. È stato Salvatore Giordano, senior advisor, specialista ambientale di Nomisma, ad illustrare gli esiti finali dello studio, la cui stima si è focalizzata su tre principali aspetti: i benefici diretti percepiti dal settore agricolo, i benefici ambientali e i benefici per la società.

“Gli esiti dello studio evidenziano un valore economico dei Servizi Ecosistemici erogati dal Cer pari a quasi 20 milioni di euro l’anno – conferma Raffaella Zucaro, direttrice generale del Cer e coordinatrice di Anbi Emilia-Romagna –. Basti pensare a quei servizi che permettono il supporto degli Habitat, o a quelli derivanti dalla regolazione dei processi quali clima ed aria, oppure ancora ai benefici intangibili come la bellezza del paesaggio e la sua stessa fruizione”.

Il principale beneficiario del valore del Cer è senza dubbio il settore primario, l’agricoltura che, d’altra parte rappresenta la principale mission per cui lo stesso canale è stato istituito oltre 60 anni fa. Dall’indagine emerge chiaramente che, nella sua complessità, ogni anno l’acqua “preziosa” distribuita dal Cer assicura una produzione agricola per un valore pari a 304 milioni di euro e che, mediante la distribuzione della risorsa ad uso irriguo sul territorio grazie alla fitta rete di canalizzazioni dei Consorzi di bonifica associati, in questo modo il Cer genera un incremento del valore fondiario pari a 1,7 miliardi di euro, un dato che rappresenta l’incremento del valore di mercato dei terreni agricoli ottenuto grazie alla possibilità di irrigare con acque del CER di ottima qualità.

I vertici di Anbi – il presidente Francesco Vincenzi, la vicedirettrice Caterina Truglia e il direttore generale Massimo Gargano – hanno confermato la centralità e rilevanza del ruolo del Cer: “Agricoltura, ambiente, industria, settore civile e, non ultimo per importanza, la ricerca in campo a beneficio del sistema dei Consorzi: i risultati raggiunti molto tangibili nello studio in tandem con Nomisma rilevano che il Cer, così come tutti i Consorzi di bonifica, contribuisca in maniera significativa alla tutela e valorizzazione degli habitat e del territorio rurale grazie ad esperienza e capacità progettuale, da sempre a servizio delle comunità e delle Istituzioni”.

Le ricadute economico-sociali appaiono dunque ancor più significative oggi, in una fase in cui il cambiamento climatico e le frequenti emergenze causate da periodi siccitosi ci fanno toccare con mano la necessità di un uso attento della risorsa acqua, come rimarcato dal presidente del Canale Emiliano Romagnolo, Nicola Dalmonte: “Il Canale mantiene e fortifica il suo ruolo di infrastruttura non solo strategica, ma assolutamente indispensabile anche alla luce delle più recenti emergenze che coinvolgono le comunità e il mondo produttivo. In questo senso, il canale ha assunto un ruolo essenziale in termini economici, territoriali, sociali ed ambientali nei diversi ambiti nei quali si è impegnato. In particolar modo, il Consorzio riveste una funzione economica sostanziale per lo sviluppo dell’Emilia- Romagna a partire proprio dal comparto agricolo che in questo territorio ha una delle sue massime espressioni colturali di export note in tutto il mondo”.
 
“Il valore del Canale Emiliano Romagnolo è evidente: la capacità idrica messa in campo dal ‘sistema Cer’ che attraversa le province della Romagna e garantisce il necessario approvvigionamento irriguo alle colture è una risorsa che impatta in tutto il territorio agricolo e non solo – rileva Alessio Mammi, assessore all’Agricoltura Regione Emilia-Romagna –. Il sistema idrico del Canale è un’eccellenza europea per il livello di ricerca e applicazione tecnologica nell’uso efficiente dell’acqua, con punte di innovazione di avanguardia europea e una squadra di persone impegnate ogni giorno a far funzionare un’opera complessa e delicata”.

Un’opera che influisce anche sull’ecosistema del nostro territorio e sulla preservazione della biodiversità: l’attività del Canale Emiliano Romagnolo apporta inoltre benefici sotto il profilo ambientale e della sostenibilità, consentendo di erogare Servizi Ecosistemici pari ad almeno 20 milioni di euro all’anno. “La disponibilità di acqua dal Canale Emiliano-Romagnolo è fondamentale per la tutela della biodiversità, in particolare delle zone umide costiere di importanza comunitaria come Punte Alberete e Valle Mandriole – sottolinea Irene Priolo, vicepresidente e assessore all’Ambiente Regione Emilia-Romagna –; inoltre, permettendo di sostituire il prelievo delle acque di falda con acque di superficie, il Cer ha assicurato un contributo centrale nel rallentare il fenomeno della subsidenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Un patrimonio da sostenere": il Canale Emiliano Romagnolo vale all'anno oltre 300 milioni di euro

CesenaToday è in caricamento