Campus, il sindaco Lucchi: "La sfida sarà rendere la sede attrattiva"

E' quanto affermano il sindaco Paolo Lucchi e l'assessore all’Università e Ricerca Francesca Lucchi all'indomani della nomina a presidente del Campus del profesor Massimo Cicognani.

"La sfida dei prossimi anni non sarà solo quella di portare a compimento il percorso delle sedi universitarie, ma sarà anche fondamentale la collaborazione per rendere sempre più consistente la presenza universitaria cesenate (a partire dal coinvolgimento dei cittadini e delle imprese) e per rendere la sede cesenate attrattiva nei confronti di docenti e studenti". E' quanto affermano il sindaco Paolo Lucchi e l'assessore all’Università e Ricerca Francesca Lucchi all'indomani della nomina a presidente del Campus del profesor Massimo Cicognani.

Cicognani succede a Luciano Margara. "L’attività di grande qualità ed impegno svolta dal professor Margara durante il suo mandato, dimostra concretamente come quella di presidente del nostro Campus sia non solo una carica importante per il mondo universitario, ma fondamentale per la nostra città - affermano sindaco ed assessore -. Infatti, in questi anni - caratterizzati dalla realizzazione e dall’apertura della nuova e bellissima sede nella zona ex Zuccherificio - Margara ha ampiamente dimostrato come sia possibile lavorare insieme, con determinazione, precisione, attenzione per gli studenti, i professori, i cesenati, verso obiettivi concreti e comuni. Ringraziamo quindi per questo Margara, che ha sempre garantito passione e determinazione assolute e che ha consolidato profondamente la presenza universitaria a Cesena, nell’ambito di un dialogo continuo sia con l’Amministrazione comunale che con gli studenti".

"Oggi la Cesena Universitaria conta quasi 5000 ragazzi, 17 corsi di laurea tra triennale e magistrale, suddivise in 4 Scuole (Agraria e Medicina Veterinaria, Ingegneria e Architettura, Psicologia e Scienze della Formazione e Scienze informatiche), circa 200 docenti e oltre 100 tecnici amministrativi - chiosano -. La presenza consolidata dei corsi di studio e degli studenti, passa anche dall’importanza di sedi adeguate ed idonee. Su questo l’attività negli anni è stata costante, a partire dall’inaugurazione nel 2016 del Tecnopolo assegnato al Ciri Agroalimentare, per arrivare poi al nuovo Campus. Le sedi di Architettura ed Ingegneria, concretizzatesi nella nostra città a seguito di un investimento di oltre 30 milioni di euro, ospitano ad oggi circa 2000 studenti, sono nel pieno della loro funzionalità ed animano la zona ex Zuccherificio, che vede ora la presenza quotidiana di ragazzi".

"Il percorso che ha portato però alla realizzazione dell’opera è stato lungo e non facile, ma la determinazione e la volontà di operare per riuscirci, ha consentito di raggiungere un risultato importate per la città ed il suo tessuto economico e produttivo - continuano -. Ora, dopo il grande lavoro svolto lungo il filo costante di amicizia di questi anni con Margara, auguriamo buon lavoro al suo successore, il professor Massimo Cicognani. D’ora in poi toccherà a lui gestire il completamento dell’area del Campus, a partire dalla costruzione dello Studentato, i cui lavori sono già iniziati, per giungere alla sede amministrativa e di Psicologia, per la quale Università ed Amministrazione comunale hanno sottoscritto un accordo attuativo che porterà il Comune di Cesena anche a contribuire dal punto di vista economico con 7 milioni di euro. La sfida dei prossimi anni non sarà però solo quella di portare a compimento il percorso delle sedi universitarie: sarà anche fondamentale la collaborazione per rendere sempre più consistente la presenza universitaria cesenate (a partire dal coinvolgimento dei cittadini e delle imprese) e per rendere la sede cesenate attrattiva nei confronti di docenti e studenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

Torna su
CesenaToday è in caricamento