Cambio al vertice della Polizia a Cesena, lascia il dirigente Michele Pascarella

Cambio al vertice del Commissariato di Polizia di Cesena: il dirigente Michele Pascarella, dopo due anni e 4 mesi al comando della Polizia di Stato a Cesena, lascia il suo incarico

Cambio al vertice del Commissariato di Polizia di Cesena: il dirigente Michele Pascarella, dopo due anni e 4 mesi al comando della Polizia di Stato a Cesena, lascia il suo incarico. Pascarella passa al comando del commissariato di polizia di Imola. A Cesena, invece, da lunedì entra in servizio il nuovo dirigente Giorgio di Munno, giunto in Questura a Forlì da qualche mese. Pascarella, precedentemente comandante della Polizia Stradale a Forlì, fino alla fine dell’anno resterà un cittadino di Cesena, in quanto vive in città, per poi trasferirsi a Imola.

“Lascio il commissariato con risultati positivi – spiega Pascarella -. I numeri della Prefettura indicano una diminuzione del 16% dei reati, una diminuzione di circa un terzo dei furti in appartamento. Questo a fronte dell’aumento del 9% delle pattuglie circolanti sul territorio che, sommate ai controlli straordinari coi nuclei prevenzione crimine disposti dal Questore, hanno dato i loro frutti”. 

Pascarella ringrazia quindi le altre forze dell’ordine e il sindaco, “anche per l’attiva partecipazione della Polizia Municipale al controllo per il territorio e per avermi coinvolto nel progetto della videosorveglianza, quest’ultimo sarà un moltiplicatore di forze e di sicurezza”. Sotto la direzione di Pascarella, il commissariato ha eseguito una serie di operazioni di polizia giudiziaria, tra cui il più grosso sequestro di marijuana sul territorio regionale, con il sequestro di circa 800 chili di piante di marijuana che si trovavano in un’azienda agricola riconvertita a piantagione illegale a Sala di Cesenatico.
 

LE PAROLE DEL SINDACO - "Ringrazio molto Michele Pascarella per il grande lavoro svolto per la sicurezza di Cesena, in questi anni di direzione del nostro Commissariato di Polizia. Alla sua attività di ottimo coordinamento delle donne e degli uomini della Polizia di Stato della nostra città e di continua collaborazione con i Carabinieri e con la Polizia Municipale, si devono infatti molti risultati positivamente raggiunti. In primis quelli collegati con una forte riduzione dei furti in abitazione (che, nel raffronto tra 2015 e 2016, segnano un – 36%, confermato anche nei primi mesi del 2017) e con l’avvio del programma di videosorveglianza cittadina, che ci vedrà a breve essere una delle città più controllate d’Italia, oltre che la gestione sicura e rassicurante di tanti eventi svoltisi a Cesena in questi anni" ha detto il sindaco Lucchi. "Pascarella, in particolare, ha vissuto da vero protagonista una modalità di lavoro che, da qualche anno a questa parte, vede tutti i protagonisti del nostro sistema di sicurezza, muoversi in piena sinergia, nell’ambito di un coordinamento importante nell’attività di prevenzione e contrasto della criminalità. E lo ha sempre fatto con una empatia che ha mixato al meglio la sua evidente radice salernitana, con quella romagnola, che si è stabilmente consolidata in lui e nella sua famiglia. So che si allontanerà dalla nostra città per proseguire un percorso di carriera nell’ambito della Polizia di Stato che, per lui, non potrà che essere gratificante. Ma so anche che, probabilmente, con la sua famiglia, manterrà legami fortissimi con Cesena. E questo, più di ogni altro giudizio, esprime concretamente il vincolo positivo che si è prodotto tra il Dottor Pascarella e la nostra città.  Al Dottor Giorgio Di Munno che lo sostituirà nella gestione del nostro Commissariato, i migliori auguri di un buon lavoro e la garanzia che la città di Cesena sarà pronta in ogni momento a sostenere il lavoro suo e delle forze di Polizia che agiranno sotto il suo comando".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

Torna su
CesenaToday è in caricamento