Brutta caduta sulle Dolomiti, il sindaco Luciana Garbuglia si rompe tibia e perone

Il sindaco di San Mauro Luciana Garbuglia, è stata vittima di un incidente durante una escursione in Trentino Alto-Adige

Foto Facebook Luciana Garbuglia

Attimi di paura per il sindaco di San Mauro Luciana Garbuglia, vittima di un incidente durante una escursione in Trentino Alto-Adige, nei pressi del Sassolungo, la vetta principale del massiccio omonimo, collocato tra la Val Gardena e la Val di Fassa, nelle Dolomiti. E' lo stesso sindaco a raccontare la disavventura, che ha interrotto la serenità della vacanza.

"Sono partita con gli amici, di buon ora, per il Passo Sella, perché si temeva traffico, erano 8 gradi, nuvole alte, qualche dubbio se salire, poi senza indugio si va al Demez, giù verso il rifugio Vicenza dove siamo accolti da raggi di sole e dalla bellezza delle azalee selvatiche, si prosegue per il giro del Sassolungo, sorpresi dalla grandine che dura poco e torna il sereno. Si prosegue fino al ghiacciaio, ma sul terreno ci sono insidiose roccette affioranti, il rifugio Comici a dieci minuti, incomincia a piovere"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Garbuglia racconta la dinamica dell'incidente: "Un passo falso, scivolo su un sasso e sento, prima del dolore, un suono secco, è la mia tibia che si è spezzata". Sul luogo dell'accaduto l'intervento del soccorso alpino con l'elicottero. "In 7 minuti sono arrivata all' ospedale di Bressanone. In due ore hanno fatto la diagnosi e deciso di operarmi d'urgenza per mettere un ferro dentro alla tibia spezzata, con malleolo compromesso, e perone rotto! Manco fossi caduta dal terzo piano! Purtroppo le sale operatorie erano tutte occupate e ho dovuto aspettare oggi (martedì). Personale medico e infermieristico competente e accogliente. Per la prevenzione Covid nessuno dei familiari può entrare in ospedale. Si è soli di fronte alla sofferenza, senza il conforto di nessuno, e il personale fa la differenza", ha spiegato Luciana Garbuglia su Facebook.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, il bollettino di domenica: nuovi contagiati con sintomi

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

  • Coronavirus, due nuovi positivi sul territorio cesenate. Un decesso in Romagna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento