menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bonaccini al campus della Technogym Village: "L'attività fisica strumento per la prevenzione"

Il presidente dell'Emilia-Romagna ha concluso lunedì pomeriggio la prima giornata del corso 'Girolamo Mercuriale' per medici e operatori sanitari

"La prova della nostra attenzione al tema della promozione dell’attività fisica è nel Piano regionale della Prevenzione, dove un terzo delle azioni riguardano la diffusione dell’esercizio motorio, sia a livello di popolazione, che individuale, con interventi più intensi per le persone con maggiori difficoltà”.  Lo ha detto il presidente Stefano Bonaccini, che lunedì pomeriggio ha concluso la prima giornata del corso ‘Girolamo Mercuriale’ su attività fisica e salute al Technogym Village di Cesena.

A questo proposito Bonaccini ha ricordato come la Regione sia stata capofila nella creazione di una rete di palestre e associazioni destinate a persone affette da patologie croniche: sono oltre 110 le palestre con queste caratteristiche in regione. In ambito sanitario, è il sistema regionale a garantire la gratuità, per il cittadino, delle certificazioni necessarie per la pratica delle attività sportive non agonistiche, 150 mila idoneità erogate, oltre le 70 mila per la pratica sportiva agonistica, con un risparmio importante per le famiglie i cui ragazzi vogliono praticare sport.

"Inoltre, le aziende Ausl hanno lavorato per creare reti di collaborazione per la promozione dell’attività fisica con il terzo settore. In questo senso - aggiunge il presidente - va anche il protocollo di intesa con Wellness Foundation e Università di Bologna, che ha la duplice finalità di veicolare tra la popolazione la cultura della prevenzione attraverso sani stili di vita e formazione del personale coinvolto nell’esercizio fisico a scopo preventivo e terapeutico”.

Nel corso di questa legislatura, la Regione ha stanziato 30 milioni di euro per l’impiantistica sportiva emiliano-romagnola e sei milioni e 750 mila euro per la realizzazione di eventi e progetti sportivi per il benessere fisico, psichico e sociale della persona, previsti dal Piano triennale per lo sport, e il tavolo di lavoro con le istituzioni scolastiche per dare più forza ai principi e ai valori della pratica motoria.
“In tutto questo è centrale per noi il tema dell’etica nello sport: siamo una delle pochissime regioni ad avere un Centro Regionale Antidoping all’Ausl di Modena”, ha concluso il presidente Bonaccini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento