Cesenatico, si chiude il posto estivo di Polizia: negli ultimi 10 giorni 2 arresti e 9 denunce

Grande importanza è stata data alla prevenzione e repressione dei reati in genere e nello specifico a quelli contro il patrimonio con verifiche ad hoc

L'ispettore Superiore Paolo Di Masi con il sindaco Matteo Gozzoli in occasione del Moving Lab

Si conclude l'attività del posto estivo di Polizia di Cesenatico, al comando dal 10 al 20 agosto dall'ispettore superiore Paolo Di Masi. Grande importanza è stata data alla prevenzione e repressione dei reati in genere e nello specifico a quelli contro il patrimonio con verifiche ad hoc, sulle principali arterie stradali di accesso alla riviera. Servizi mirati sono stati predisposti per il contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, specie nei pressi dei locali pubblici, della zona della “Movida notturna“, con più alta presenza di giovani e non più giovani avventori. Sono state impiegate oltre 60 pattuglie sul territorio per garantire la sicurezza anche con l’utilizzo di pattuglie in abiti civili, con l’impiego di oltre 120 uomini. Sono stati effettuati 21 posti di controllo, identificate 2502 persone, tra cui anche coloro che hanno utilizzato il catamarano per la Croazia, e controllati 429 veicoli. Sono 36 gli interventi eseguiti dalla Volanti.

Numerosi sono stati gli interventi delle volanti per liti in famiglia, per le più svariate problematiche che, per fortuna, si sono tutte risolte per il meglio grazie all’intervento del personale in divisa che ha fatto da paciere, componendo i dissidi tra le coppie. Anche le chiamate al centralino del Posto di Polizia di famiglie disperate perché non ritrovavano i loro bambini che si erano persi, probabilmente distratti dai loro giochi, sono state all’ordine del giorno. Tutte le vicende anche in questo caso si sono risolte per il meglio e le famiglie si sono potute riabbracciare per potersi godere questo periodo di vacanza e lasciare il ricordo di questa breve disavventura ai racconti da fare al rientro da Cesenatico.

Abusivismo commerciale

Anche quest’anno è stata prestata attenzione al fenomeno dell’abusivismo commerciale e, in questo ambito, è da segnalare l’ispezione effettuata in collaborazione con la locale Polizia Municipale e la Guardia di Finanza, in via Cartesio a Cesenatico, dove è stato controllato un piccolo appartamento composto da tre stanze da letto, un bagno ed una cucina, all’interno del quale si trovavano stipati ben 19 cittadini stranieri tutti di nazionalità del Bangladesh ancora intenti a dormire. Per uno di essi, irregolare sul territorio nazionale è scattata l’espulsione dall’Italia. All’interno dell’appartamento tra l’altro sono state sequestrate 11 cinture con i marchi contraffatti di “Dolce e Gabbana” e di “Armani", che hanno comportato la denuncia del locatario dell’appartamento, anch’esso del Bangladesh.

Controlli contro truffe e furti

Sono stati svolti 9 servizi, con l’impiego di 18 uomini, per l’attività di prevenzione e contrasto al fenomeno delle rapine ai danni di istituti di credito e uffici postali. Di rilievo è stata la verifica effettuata nell’area adibita a sosta caravan, che si trova a ridosso della Statale, che ha permesso di individuare camper e auto segnalate in banca dati come mezzi sospettati di essere utilizzati da soggetti ritenuti responsabili di truffe ai danni degli anziani.

Arresti e denunce

Sono nove le persone denunciate, principalmente per reati contro il patrimonio, in specie furto e ricettazione, e per delitti inerenti gli stupefacenti. Per quanto riguarda la lotta allo spaccio ed al consumo di sostanze stupefacenti, complessivamente sono stati sequestrati un etto e mezzo di marijuana, oltre 35 grammi di hashish e circa 3 grammi di cocaina. E’ stata inoltrata alla Prefettura di Forlì – Cesena anche una segnalazione per consumo di sostanza stupefacente. Sono state tratte in arresto due persone; la prima (un quarantenne milanese, che ha patteggiato un anno e sei mesi di reclusione) per resistenza aggravata a pubblico ufficiale, lesioni aggravate a pubblico ufficiale e per detenzione ai fini di spaccio di cocaina; la seconda, perché colpita da un ordine di arresto per guida in stato di ebbrezza.

Moving Lab

Ha fatto visita anche il “Moving Lab”, uno dei furgoni allestiti dal Ministero dell’Interno - Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato, con attrezzature e dotazioni di Polizia Scientifica, con la funzione di fornire ausilio alle attività di Polizia Giudiziaria e servizi di ordine pubblico, e di rappresentare un favorevole spazio di comunicazione istituzionale rivolto al cittadino, per far conoscere le attività della Polizia di Stato, in specie quelle della Polizia Scientifica, proponendo attività ludiche per i più giovani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Focolaio di Covid all'interno dell'ospedale, il sindaco: "Situazione di emergenza"

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Terremoto avvertito nel cuore della notte: epicentro nella pianura forlivese

Torna su
CesenaToday è in caricamento