menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cesenatico, secondo bilancio del posto di polizia: un arresto e 18 denunce

Tra il 30 agosto e il 9 agosto l’attività della Polizia si è particolarmente intensificata, seguendo anche il trend al rialzo degli arrivi turistici

Si chiude con un arresto e 18 denunce l'attività al posto di Polizia estivo di Cesenatico del sostituto commissario Stefano Santandrea, vice dirigente della Squadra Mobile della Questura di Forlì-Cesena, che da giovedì riprenderà il suo incarico a Forlì. Tra il 30 luglio e il 9 agosto l’attività della Polizia si è particolarmente intensificata, seguendo anche il trend al rialzo degli arrivi turistici. La maggior parte dei 18 soggetti denunciati è stata indagata per reati conto il patrimonio, quali la ricettazione, il furto, la truffa, l’arbitraria occupazione di immobili in stato di abbandono, il danneggiamento, quindi i risultati evidenziano la propensione dell’ufficio al contrasto dei reati più diffusi ed anche connessi alla lotta al degrado urbano. L'arresto riguarda un'ordine di carcerazione a seguito di una condanna per falsificazione di documenti di soggiorno.

I casi più significativi

Tra i casi più significativi, quello relativo all’identificazione dell’autore della rapina impropria avvenuta il 2 agosto ai danni di un esercente del centro, il recupero di biciclette nello stabile abbandonato di via Magellano, con il conseguente ripristino della struttura e l’allontanamento degli abusivi, il rintraccio in città di due individui già noti alle forze dell'ordine, sorpresi con arnesi da scasso (in particolare, un sofisticato strumento elettronico utilizzato per annullare i sistemi di allarme) uno dei quali latitante e quindi tratto in arresto in esecuzione di ordine di carcerazione emesso nel 2011 dalla Procura della Repubblica di Como. 

Altri casi, relativi all’identificazione di autori di furti e truffe in città ovvero pertinenti ad indagini in merito di spaccio di stupefacenti, sono al vaglio dell’autorità giudiziaria. Il responsabile dell’Ufficio ha inoltre coordinato tre diversi servizio straordinari di controllo del territorio, al quale hanno partecipato i Reparti Prevenzione Crimine della Polizia di Stato di stanza a Bologna, la Polizia Stradale e la Polizia Municipale. Intensa è stata anche l’attività dell’aliquota di personale dedicata ai controlli di Polizia di Frontiera sulle partenze e gli arrivi dell’aliscafo di collegamento turistico con la Croazia. Da venerdì al posto di Polizia estivo sarà operativo l'ispettore Paolo Di Masi, in forza al Commissariato di Polizia di Cesena.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Mare e terra in un piatto gustoso: la seppia coi piselli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento