rotate-mobile
Cronaca Cesenatico

Bilancio in salute per il Comune, tesoretto di 113mila euro. Per il ragioniere capo è il 40esimo rendiconto

Il risultato d’amministrazione complessivo chiude con un risultato positivo di euro 113.597,08: un piccolo tesoretto che potrà essere impiegato nella gestione corrente

Nel Consiglio Comunale di giovedì sera è stato approvato il rendiconto 2021 con 10 voti favorevoli e 5 voti contrari. Si completa così un passaggio chiave per il funzionamento dell'Ente che si impreziosisce di un risultato importante: è stato infatti azzerato il disavanzo da riaccertamento straordinario che il Comune di Cesenatico si portava dietro dal 2016. Grazie ad una scrupolosa gestione finanziaria e contabile, l'importo residuo di  1.943.322,52 euro ancora presente al 31 dicembre 2020 è stato completamente ripianato. In tal maniera negli anni a venire, ad iniziare dal 2022, non sarà più necessario inserire a bilancio fra le spese la quota di circa 190.000 euro per copertura di tale disavanzo. Al 31 dicembre del 2015 il disavanzo si attestava a  7.231.832,52 euro. 

Il rendiconto

Il risultato d’amministrazione complessivo chiude con un risultato positivo di euro 113.597,08: un piccolo tesoretto che potrà essere impiegato nella gestione corrente.  Oltre a questo importante dato, il consuntivo 2021 presenta ulteriori fondi accantonati:  317.172,03 euro come avanzo dalla gestione imposta di soggiorno che potrà essere utilizzato in campo turistico e culturale (come da previsione di legge);  352.579,77 euro come avanzo dalla gestione dei fondi Covid (differenza fra quanto percepito da contributi statali e le minori entrate o maggiori spese comunali) ed  285.356,86 euro come avanzo gestione Tari. Entrambi questi ultimi importi saranno reinvestiti per aiutar famiglie e imprese del territorio alle prese con caro bollette e con la cosa della pandemia.

All’interno della gestione corrente una particolare attenzione è stata impiegata nel considerare le partite di crediti vantati dal Comune e non più recuperabili (soprattutto Imu da fallimenti), con eliminazione di diverse partite e in pari grado riduzione del fondo crediti dubbia esigibilità. Il risultato a consuntivo per la parte destinata ad investimenti è di  683.838,53 euro: somma che con l’approvazione degli schemi da parte del consiglio comunale potrà essere utilizzata dall’Ente ad integrazione delle opere pubbliche (per incrementi dei costi da cantiere sin qui avuti) e per eventuali nuovi interventi.

La gestione 2021 mostra dati importanti anche per quanto concerne i flussi di cassa, nonostante le enormi difficoltà incontrate: il 2020 si era chiuso con un fondo di cassa di  10.517.451,04 euro, mentre sul 2021 si registra un ulteriore miglioramento che al 31 dicembre indicava un fondo di cassa di 13.511.719,10 euro. La disponibilità di questo fondo durante tutto il 2021 ha consentito al Comune di Cesenatico far fronte alle minori entrate senza gravare sulla collettività. Il tutto operato mantenendo un controllo della situazione che ha consentito a fine anno di vedere tempi medi di pagamento dei propri fornitori ridotti di 3 giorni rispetto al termine di legge.

Sul fronte investimenti nel 2021 sono stati impegnati  6.401.195,35 euro. Il Fondo Contenzioso è pari a 3.754.363,43 euro, stanziato in via prudenziale al fine di mettere in sicurezza i conti da possibili soccombenze per cause legali che l’Ente ha in essere. Il Fondo crediti di dubbia esigibilità mostra un dato molto elevato pari a 34.516.672,37 euro dove a pesare in maniera preponderante sono le annualità IMU da piattaforme ENI (per quasi metà dell’importo), recuperi Tari, le insinuazioni in fallimenti e le sanzioni amministrative. Su tale aspetto è stata fatta una completa opera di verifica e pulizia, in modo che il dato di bilancio rispecchi le effettive partite pendenti e con possibilità di recupero.

"Il Consiglio Comunale di giovedì, con l'approvazione del rendiconto 2021, ha segnato una tappa fondamentale per la gestione del Comune di Cesenatico: da una parte perché i numeri raccontano sempre molto dell'amministrazione di una città, e dall'altra perché siamo riusciti ad azzerare il disavanzo che l'ente si portava dietro dal 2015. Siamo di fronte a risultato straordinario che è frutto di cinque anni di lavoro intensi, oculati e pieni di difficoltà, anche impreviste come l'emergenza sanitaria. Per questo risultato voglio ringraziare il Ragioniere Capo Riccardo Spadarelli e tutti i nostri tecnici", le parole del Sindaco Matteo Gozzoli. 

"Poter presentare conti in ordine dà fiducia nel lavoro da svolgere che è ancora tanto. L’ottimo risultato raggiunto con l’impegno costante di tutta l’Amministrazione in questi 5 anni è accompagnato anche da altri risultati come la ripresa negli investimenti pubblici e il programma di messa in sicurezza degli edifici scolastici. Un bilancio in salute consente di affrontare al meglio le difficoltà e sfide quotidiane che l’Ente deve affrontare. Un ringraziamento particolare, sentito e sincero, va al dottor Spadarelli che quest’anno giunge al 40° rendiconto", il commento dell’Assessore Jacopo Agostini. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio in salute per il Comune, tesoretto di 113mila euro. Per il ragioniere capo è il 40esimo rendiconto

CesenaToday è in caricamento