menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bignami (Forza Italia): "Con l'Ausl unica si sono tagliati posti letto"

“L’esperienza della Ausl unica Romagna ha comportato quasi ovunque una diminuzione dei posti letto. E Cesena, in Regione, è la Città che ne ha persi di più in termini percentuali”

“L’esperienza della Ausl unica Romagna ha comportato quasi ovunque una diminuzione dei posti letto. E Cesena, in Regione, è la Città che ne ha persi di più in termini percentuali”. Così Galeazzo Bignami, candidato capolista per Forza Italia nel collegio romagnolo, porta la sanità al centro del dibattito negli ultimi giorni di campagna elettorale. “Il progetto di area vasta, giustificato da esigenze di razionalizzazione, in realtà si è tramutato in un taglio di posti letto a scapito dei servizi e che va a colpire soprattutto le fasce deboli dell’utenza”, spiega. All’ospedale Bufalini di Cesena, ad esempio, negli ultimi sette anni si è registrata una diminuzione di quasi cento posti letto in sette anni, dal 2010 al 2017. Erano 549 nel 2010, nel 2017 se ne contano 456, ben 93 in meno.

“Il taglio dei posti letto porta con sé il taglio del personale – spiega Bignami -. Perché la necessità di personale viene calcolato sulla base dei posti letto. I due concetti invece andrebbero slegati perché se è vero, come ha spiegato l'assessore regionale alla sanità, che i posti letto diminuiscono perché le esigenze sono mutate e perché diminuiscono i ricoveri, non significa che siano diminuite le necessità degli utenti che si rivolgono all’ospedale per ottenere specifiche prestazioni sanitarie. Questa è una strategia che sul lungo termine rischia di creare problemi, di portare a un progressivo depauperamento della sanità romagnola. E poi resta il nodo dei pronto soccorso che facilmente vanno in iperaffollamento durante, ad esempio, i picchi di influenza generando situazioni di tensione”. Bignami evidenzia anche che, laddove le amministrazioni locali hanno protestato contro la riduzione dei posti letto alla fine i tagli non sono avvenuti. “Come all’ospedale di Cesenatico che non ha visto cali (55 posti letto dal 2010 al 2017) grazie all’azione di pressing della giunta guidata dall’allora sindaco Roberto Buda”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento