menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ristretta a 4 candidati la rosa per scegliere il dirigente della Biblioteca Malatestiana

A darne notizia il Sindaco Paolo Lucchi in una lettera inviata a tutti i consiglieri comunali per informarli dell'andamento della selezione avviata per l'affidamento dell'incarico dirigenziale. Nella lettera il Sindaco riepiloga le tappe del percorso

Si è ristretto a quattro il numero dei candidati per il ruolo di dirigente del settore Biblioteca Malatestiana, Cultura e Turismo. Si tratta di Elisabetta Bovero, originaria di Milano, Stefano Campagnolo di Roma, Marcello Fascetti nativo di Pietrasanta in provincia di Lucca e di Maurizio Tarantino, anche lui di origine romana.
 

A darne notizia il Sindaco Paolo Lucchi in una lettera inviata a tutti i consiglieri comunali per informarli dell’andamento della selezione avviata per l’affidamento dell’incarico dirigenziale. Nella lettera il Sindaco riepiloga le varie tappe del percorso intrapreso finora e anticipa i passi successivi che porteranno all’individuazione del nuovo dirigente. I 4 sono stati selezionati da una rosa di 15 candidati ammessi al colloquio con la Commissione esaminatrice, composta dal Segretario Generale del Comune di Cesena Manuela Mei, dalla Dirigente del settore Personale del Comune di Cesena Stefania Tagliabue, dal Direttore dell’Istituzione Biblioteche di Bologna e della Biblioteca dell'Archiginnasio Pierangelo Bellettini e dalla psicologa del lavoro Claudia Righetti.
 

Conclusa questa fase, la Commissione esaminatrice ha effettuato una valutazione complessiva del profilo di competenze di ognuno dei 15 candidati e, sulla base delle caratteristiche riscontrate, ha individuato fra loro la rosa dei nominativi da sottoporre al sindaco, in vista del successivo colloquio, per la selezione finale del candidato cui affidare l’incarico. Scrive il sindaco nella lettera ai Consiglieri: “Inizialmente tale rosa era composta anche da Lorenzo Baldacchini, il cui profilo è però risultato, nelle successive verifiche di incadidabilità ed inconferibilità, non rispondente ai criteri indicati dal bando, in quanto è emerso che il professor Baldacchini non potrebbe ricevere l’eventuale affidamento dell’incarico dirigenziale perché esiste il divieto di incarichi dirigenziali a soggetti in quiescenza. Per questo, pur risultando nella rosa degli ammessi alla seconda fase di selezione, il professor Baldacchini non sarà convocato a colloquio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento