rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
Cronaca

Basket, il cestista insultato durante il derby si sfoga. Le scuse del club e la multa del Giudice sportivo

I fatti durante il match di serie D tra Riccione e Cesena. Il giocatore sui social: "E' stato squallido, insultato per 40 minuti". Le scuse del club cesenate: "Condividiamo sfogo e amarezza"

“Ho incontrato di nuovo il razzismo, faccio fatica ancora a crederci”. Inizia così lo sfogo sulla sua pagina Facebook di Thomas Calegari, giocatore di basket in forza ai Dolphins Riccione. Il cestista, 31 anni, un passato anche in serie B e C, è stato ripetutamente offeso durante il match del campionato di serie D, sul campo del Cesena. Dopo quanto accaduto sono arrivate le scuse da parte della società cesenate e anche i provvedimenti da parte della giustizia sportiva. A offendere, per via del suo aspetto fisico, sarebbero stati alcuni ragazzini isolati. E’ Calegari attraverso il suo profilo social a raccontare l’episodio: “Il tifo contro è bello, fa colore, rende l’atmosfera ancora più bella. Eppure sentire offese sull’aspetto fisico, anche pesanti e innovative, per quanto becere e di cattivo gusto, non capitava da un po’”.

Il giocatore prosegue nel racconto: “Le offese le accetto anche, le ho sempre accettate. Ma vedere ragazzini, che praticano sport, fomentati dai genitori, a inveire e insultare per 40 minuti un singolo individuo è davvero squallido. E’ una delusione e sconfitta per lo sport e per le loro famiglie. Eppure lo sport dovrebbe essere integrazione, totale, a 360°. Ancora di più in campionati non professionistici”. Tanti i commenti di solidarietà. Anche da parte di ex cestisti, come Maurizio Benatti: “Thomas sono veramente rattristato della stupidità della gente. E ti ringrazio per il messaggio che condividi con grande spirito e serenità”.

A meno di 24 ore dalla partita arrivano le scuse ufficiali da parte del Cesena Basket: “Ci sentiamo in dovere di porgere le dovute scuse al giocatore ospite Thomas Calegari, preso di mira con epiteti offensivi e volgari da un gruppetto di ragazzi presenti alla partita. Condividiamo pienamente il suo sfogo e la sua amarezza esattamente come la sue opinione sui valori che lo sport deve insegnare e portare sempre con se, in campo e sugli spalti. L’unica riserva riguarda la percezione di un atteggiamento da parte di adulti o genitori presenti, che avrebbero fomentato il comportamento del gruppetto in causa che invece non è avvenuto. Abbiamo infatti accertato che i pochi adulti presenti più vicini ai ragazzi si sono più volte prodigati verbalmente a redarguirli e invitandoli a smettere, evidenziando la scorrettezza dei loro epiteti nei confronti del giocatore. Ricordiamo inoltre che la Cesena Basket è più e più volte già intervenuta in tempi recenti nei confronti di alcuni dei ragazzi in questione con reprimende e nette prese di posizione, che dopo questa ulteriore spiacevole vicenda saranno ancor più drastiche per chi fosse un tesserato nelle sue squadre giovanili”.

In club conclude: “Registriamo inoltre, con profondo rammarico, che lo sfogo di Thomas Calegari, del tutto involontariamente, ha stuzzicato qualche tesserato di altre società del nostro campionato a salire sul carro della reprimenda e del giudizio inopportuno e distorto nei confronti di una società che ha sempre fatto della educazione e della crescita personale dei ragazzi la priorità assoluta, ben prima dei risultati sportivi, che a determinate condizioni non intende perseguire”. Il giudice sportivo è poi intervenuto nei provvedimenti disciplinari, con una multa di 225 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Basket, il cestista insultato durante il derby si sfoga. Le scuse del club e la multa del Giudice sportivo

CesenaToday è in caricamento