Azienda fallita e 'svuotata': sequestrata a Savignano una villa da 3 milioni di euro

Secondo gli investigatori, l'impresa sarebbe stata deliberatamente spogliata di attrezzature, merci, dipendenti e finanziamenti per un valore complessivo di 13.356.000 di euro, attraverso il sostanziale trasferimento in Bosnia.

Blitz della Guardia di Finanza di Firenze in Romagna. Le Fiamme Gialle hanno sequestrato quote di possesso di una villa a Savignano sul Rubicone per un valore complessivo di 3 milioni di euro, nell'ambito delle indagini della procura del capoluogo toscato sul fallimento di un'impresa specializzata nella produzione di calzature antifortunistiche. Secondo gli investigatori, l'impresa sarebbe stata deliberatamente spogliata di attrezzature, merci, dipendenti e finanziamenti per un valore complessivo di 13.356.000 di euro, attraverso il sostanziale trasferimento in Bosnia.

I militari hanno perquisito l'ufficio e l'abitazione di una professionista ravennate cinquantenne, accusata di aver veicolato fuori dal carcere, attraverso un 'pizzino', le disposizioni di una delle persone arrestate nell'ambito dell'inchiesta. Secondo quanto accertato, nel 2012 le quote della villa erano state cedute con un atto simulato dai titolari dell'azienda, due fratelli, alla madre. Sempre nell'ambito delle indagini nei mesi scorsi erano stati sequestrati beni per 13 milioni di euro ed emessa ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di cinque persone, tra cui i due fratelli, uno dei quali attualmente latitante a Santo Domingo, un terzo imprenditore di Forli' e uno bosniaco, attualmente latitante.

In manette anche un commercialista ravennate. Tra i reati ipotizzati a vario titolo nei confronti degli indagati, bancarotta fraudolenta transnazionale, infedelta' patrimoniale, ricorso abusivo al credito e truffa. Nei confronti di due degli arrestati la misura cautelare in carcere è stata sostituita con gli arresti domiciliari. Venerdì, a seguito della richiesta di rinvio a giudizio avanzata dal sostituto procuratore fiorentino Paolo Barlucchi, è in programma l'udienza preliminare. Il giudice per le indagini preliminari è Erminia Bagnoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

  • Il Covid continua ad uccidere nel Cesenate: 5 morti e 132 nuovi contagi

  • Disobbedienza civile dei ristoranti, apertura nonostante il blocco: anche a Cesena la protesta

Torna su
CesenaToday è in caricamento