Cronaca

Baccini agli studenti: "Tra le incognite la riapertura delle scuole è un momento di speranza"

"La riapertura delle Scuole, seppur con regole di comportamento più stringenti, deve essere salutata da tutti come un momento positivo di ripresa e speranza"

Con una lettera di saluto il Sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini si è rivolto a tutti gli studenti dell’Istituto Comprensivo “Manara Valgimigli” e della sezione distaccata del Liceo Scientifico “Augusto Righi” in vista dell’imminente ristorno a scuola.

"Stiamo lavorando in questi giorni per definire gli ultimi dettagli per questa complicata ripartenza dell’anno scolastico, dopo tanti mesi di sospensione delle lezioni in presenza e con l’apprensione di gestire scenari nuovi e inediti, fa sapere il Sindaco. Dal lato comunale, abbiamo curato con scrupolo l’organizzazione dei trasporti, delle mense e dell’ausilio nell’ingresso e uscita dalle sedi scolastiche, cercando di creare le migliori condizioni per questa ripartenza. Proprio oggi terremo un incontro di coordinamento con il personale scolastico ed medici di base. Nella concentrazione sul lavoro da svolgere, non vogliamo far mancare la nostra vicinanza agli studenti e per questo ho anticipato il mio sincero affetto e la mia personale vicinanza in vista dell’imminente ritorno a scuola con una lettera che ciascuno di loro potrà leggere personalmente lunedì, al rientro a scuola".

"Insieme ai Vostri professori – scrive Marco Baccini nella sua lettera – abbiamo lavorato per cercare di creare le condizioni migliori che Vi consentano di affrontare quello che sarà un anno scolastico “unico”, sicuramente diverso da quelli vissuti sino ad oggi da ciascuno di noi. Nell’immaginare questa ripresa, tra le incognite e le novità che la caratterizzeranno, Vi ho pensato con un sentimento di apprensione. Come già sapete, dovrete affrontare regole nuove, maggiori limitazioni, obblighi quotidiani, ma tutti necessari per poter fare di nuovo ingresso nelle Vostre scuole.  La riapertura delle Scuole, seppur con regole di comportamento più stringenti, deve essere salutata da tutti come un momento positivo di ripresa e speranza, nella consapevolezza che la Scuola è il primo luogo ove si coltivano quelle relazioni generative che fanno crescere, non solo nell’apprendimento culturale, ma ancor prima nella vita.  Con questa convinzione – continua il Sindaco rivolgendosi agli studenti – Vi invito a guardare il “banco singolo”, le distanze individuali, gli ingressi scaglionati, le mascherine, come elementi organizzativi necessari a permetterVi di tornare a quelle condivisioni generative. Il vostro banco singolo, quindi, non deve essere visto come un “nascondiglio” o un “luogo di riparo”, ma piuttosto come la vostra finestra sulla vita, dalla quale dar sfogo all’immaginazione attraverso un apprendimento culturale attento ed euforico, nel quale i Vostri professori sapranno condurVi con vicinanza e comprensione".

La sfida interiore che Vi attende per quest’anno scolastico non sarà infatti stare seduti in un banco singolo o distanziato, ma nella vita che saprete dargli, ciò che richiede l’essere consapevoli del privilegio rappresentato dall’andare a scuole e dallo “stare insieme”. Per questo, abbiate a mente che ogni minuto trascorso a Scuola è prezioso e cercate di non sprecarlo.

"Questi lunghi mesi di chiusura ce lo hanno insegnato e non possiamo permetterci di dimenticarlo troppo in fretta. Così come ci hanno insegnato che la cultura è il primo strumento che ci consente di superare la paura, di affrontare il dolore e dare un senso a tutti gli eventi della vita senza scappare, ma affrontandoli con i necessari “attrezzi” e comportamenti.  A tal riguardo – scrive come ultima riflessione il Sindaco – Vi ricordo che la cultura è anche senso di responsabilità e rispetto delle regole, dentro e fuori dalla Scuola, che in quest’anno scolastico saranno ancor più necessari da parte di ciascuno di Voi per evitare di dover “abbandonare” il Vostro banco singolo, che quindi – come capite – è il Vostro avamposto di conquista della vita di relazione. Sarebbe un fallimento, che tutti vogliamo evitare, prima di tutto per il Vostro bene.  Con queste riflessioni, che spero Vi siano utili, auguro a tutti Voi, alle Vostre famiglie ed ai Vostri professori una buona ripresa".                

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Baccini agli studenti: "Tra le incognite la riapertura delle scuole è un momento di speranza"

CesenaToday è in caricamento