menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

CRC, parte l'azione legale dei risparmiatori: in 200 alla prima serata

I piccoli azionisti del principale istituto di credito cittadino, che di fatto si vedranno azzerati i loro patrimoni investiti nella CRC, grandi o piccoli che siano, hanno affollato la prima delle assemblee

Parte l'azione legale dei risparmiatori della Cassa di Risparmio. I piccoli azionisti del principale istituto di credito cittadino, che di fatto si vedranno azzerati i loro patrimoni investiti nella CRC, grandi o piccoli che siano, hanno affollato la prima delle assemblee su questo scottante tema, quella organizzata da Davide Fabbri, ex consigliere comunale e attivista su varie tematiche. Ulteriori comitati dei risparmiatori sono stati per ora ventilati da partiti politici quali il Movimento 5 Stelle e Forza Italia.

Lunedì sera nella sala del Quartiere Oltresavio di Piazza Anna Magnani circa 200 persone si sono informate sul comitato risparmiatori, riempiendo la sala (una cinquantina di persone, per mancanza di posti, sono rimaste in piedi o sedute a terra). L'esperto scelto per seguire la vicenda è Franco Faberi. Spiega Davide Fabbri: “Come Comitato Difesa Risparmiatori della Cassa di Risparmio di Cesena partiremo con le azioni legali. Abbiamo organizzato uno staff di avvocati, appassionati, che non hanno alcuna intenzione di lucrare su azionisti già vessati dalla banca”. Per rendere note le attività del comitato è stato aperta anche una pagina Facebook pubblica.

Dettaglia ulteriormente Fabbri: “Partiremo con una azione legale ex art. 2395 del codice civile: diritto di risarcimento del danno spettante al singolo socio della banca che è stato direttamente danneggiato da atti colposi o dolosi degli amministratori della banca. Questa azione legale consente al singolo socio la tutela diretta dei danni arrecati in via diretta al proprio patrimonio, ed è di competenza del cosiddetto Tribunale delle Imprese di Bologna. La Cassazione ha chiarito che se gli amministratori hanno redatto un bilancio falso, o abbiano fatto false comunicazioni ai soci, o false notizie, o incoraggiamento agli acquisti di azioni, il socio della banca ha legittimazione a fare azione legale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento