Aumentano i controlli della Finanza contro i falsi poveri

Tra gli obiettivi primari che la Finanza deve conseguire vi e’ quello finalizzato alla scoperta di presunte evasioni, irregolarita’ e truffe nel cosidetto “settore pubblico allargato”

Martedì mattina, alla presenza di Andrea Lucchi, responsabile della Segreteria Affari Generali del Comune di Mercato Saraceno, in rappresentanza del Sindaco Oscar Graziani e del colonnello della Guardia di Finanza di Forlì-Cesena Alessandro Mazziotti, è stato stipulato un protocollo d’intesa tra il Comune e le Fiamme Gialle che formalizza la collaborazione per il controllo delle dichiarazioni i.s.e.e. presentate al comune e relative a richieste di contributi e agevolazioni tariffarie.

Tra gli obiettivi primari che la Finanza deve conseguire nell’ambito della tutela della spesa pubblica e che viene raggiunto mediante attività di intelligence, che si sviluppa nel controllo economico del territorio, vi e’ quello finalizzato alla scoperta di presunte evasioni, irregolarita’ e truffe nel cosidetto “settore pubblico allargato”, anche con la collaborazione dei competenti uffici dei comuni della provincia.

La conoscenza del contesto territoriale, correlata alla particolare situazione economica del periodo, ha evidenziato una marcata richiesta di contribuzione che i cittadini, a vario titolo,  presentano agli enti pubblici. In questo senso, le Fiamme Gialle hanno esaminato la documentazione fornita dagli  enti territoriali con riferimento alla concessione per la fruizione di prestazioni sociali agevolate.

Nel 2011 sono stati effettuati 112 controlli e segnalate all’autorita’ giudiziaria 94 persone per aver percepito indebitamente erogazioni per un tale di 50mila euro. I vari soggetti, sia italiani che extracomunitari, hanno presentato modelli isee con dati non veritieri e, ad un più approfondito controllo, sono emersi redditi di lavoro e/o immobiliari per oltre 800mila euro. Tale omissione aveva consentito loro di non oltrepassare le soglie limite  per mantenere l’accesso al contributo.

Alcuni, pur richiedendo contributi, avevano un tenore di vita alto, essendo proprietari di immobili ed “auto di lusso”. I settori maggiormente interessati al controllo sono quelli del fondo locazione abitazioni, dei buoni pasto scolatici, l’assegnazione di alloggi popolari, le rette degli asili nido. Nel 2012, alla data attuale, sono stati effettuati 87 controlli che hanno portato alla segnalazione di 82 persone per un importo di indebitamente percepita equivalente a circa 90mila euro a fronte di oltre 315mila euro di redditi non dichiarati.

Il nuovo protocollo  consentira’ di estendere la platea dei soggetti da controllare, i quali verranno preventivamente selezionati dal comune tra quelli considerati piu’ a rischio e segnalati alla Guardia di Finanza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento