Ecco l'atto aziendale dell'Ausl Unica: "Centralità del cittadino, equità, qualità e sicurezza"

Le tappe successive del percorso di sviluppo dei processi di integrazione aziendali prevedono la consegna del documento ai settantaquattro sindaci romagnoli componenti della Conferenza e alle organizzazione sindacali, per consentirne la valutazione

Si è riunito giovedì mattina nella sede del Centro Servizi di Pievesestina di Cesena l’Ufficio di Presidenza della Conferenza territoriale sociale e sanitaria della Romagna (CTSS). Al centro della riunione, la presentazione, da parte del direttore generale, dell’atto aziendale della nuova Azienda Usl della Romagna. Il documento descrive la filosofia organizzativa e gli obiettivi strategici, che dovranno essere tradotti in progetti e programmi di attività declinati sul territorio romagnolo.

Sono quattro le linee direttrici più significative, sottolineate dal direttore generale dell’Ausl nel corso della presentazione: il nuovo modello organizzativo reticolare dei servizi ospedalieri, il rapporto con l’Irst di Meldola e la costruzione della Rete oncologica romagnola, le relazioni con l’università e la costituzione del Centro logistico della Romagna.

Le tappe successive del percorso di sviluppo dei processi di integrazione aziendali prevedono la consegna del documento ai settantaquattro sindaci romagnoli componenti della Conferenza e alle organizzazione sindacali, per consentirne la valutazione. "I contenuti dell'atto aziendale - dichiara Paolo Lucchi, presidente della Conferenza - confermano la visione e gli obiettivi che i Comuni della Romagna ritengono fondamentali del sistema sanitario pubblico locale. Il testo di questo atteso documento, infatti, oltre ad annoverare gli organismi aziendali, le loro competenze e le metodologie di organizzazione e funzionamento dell'azienda, riafferma la base valoriale su cui deve poggiare ogni fase di produzione ed erogazione dei servizi sanitari e socio-sanitari. Centralità del cittadino, equità, qualità e sicurezza sono i principi la cui osservanza può più di ogni altra cosa garantire alla sanità romagnola di rimanere, anche in tempo di crisi, una delle migliori del mondo. Questo, non a caso, è l'obiettivo - ambizioso ma raggiungibile - per cui abbiamo deciso di costituire una unica azienda di bacino romagnolo. Ora, a seguito della presentazione in Ufficio di Presidenza dell'atto aziendale da parte del Direttore Generale, è determinante aprire un confronto franco e capillare nei diversi territori sui suoi contenuti. Da questo documento, che, come detto, contiene l'impianto valoriale, organizzativo e funzionale dell'Azienda, dipende la futura programmazione sanitaria romagnola, cui ogni comunità è sempre stata e sarà chiamata a contribuire. Per ora si può ben dire, dunque, che la partenza pare giusta e coerente a quanto sempre indicato dai Comuni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tragico incidente in bici, è morto dopo due giorni di agonia l'agente di Polizia

  • Tragedia sulla spiaggia di Cesenatico, trovata riversa nell'acqua: muore l'anziana turista

  • Cesenatico, dalle spiagge libere alle aree polifunzionali: ecco l'ordinanza balneare anti-Covid

  • Fischietti di San Giovanni e mazzetti di lavanda, sarà una festa sobria ma ci sarà

  • Addio a Tinin Mantegazza, "Cesenatico perde un artista e un creativo incredibile"

  • Coronavirus, un nuovo caso di positività: quelli totali da inizio emergenza sono 783

Torna su
CesenaToday è in caricamento