menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

'Assunti' per il permesso di soggiorno, la Guardia di Finanza scova i falsi posti di lavoro: 5 denunce

Contratti di lavoro 'fantasma' per ottenere il rinnovo dei permessi di soggiorno. E' il meccanismo scoperto dalla Guardia di Finanza che ha portato alla denuncia di cinque persone

Contratti di lavoro 'fantasma' per ottenere il rinnovo dei permessi di soggiorno. E' il meccanismo scoperto dalla Guardia di Finanza che ha portato alla denuncia di cinque persone, tutte di  nazionalità straniera, per diverse violazioni alla normativa sull’immigrazione. 

L’attività è scaturita da un controllo effettuato dai militari della Compagnia di Cesena nei confronti di  una ditta individuale che, nonostante avesse numerosi dipendenti, è risultata, secondo chi indaga, inadempiente agli obblighi di versamento contributivi e tributari.  

Secondo le Fiamme gialle i rapporti di lavoro erano fittizi, instaurati solo con lo specifico scopo di precostituire in capo ai  lavoratori subordinati posizioni contributive inesistenti, e al fine di ottenere prestazioni previdenziali, l’accreditamento di contributi pensionistici e il rinnovo di permessi di soggiorno. 

Il datore di lavoro, un soggetto di origini bulgare, è stato ritenuto responsabile del reato di  favoreggiamento alla permanenza in territorio nazionale di diversi cittadini stranieri, mediante la falsa regolarizzazione della posizione lavorativa degli  stessi.   A loro volta, sono stati segnalati alle autorità competenti i cittadini stranieri che, per ottenere il rinnovo del permesso di soggiorno, si sarebbero avvalsi dei falsi contratti di lavoro e delle buste paga precostituite ad hoc dal titolare della ditta.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento