Cronaca

L’Associazione Amici della Biblioteca Malatestiana elegge il primo consiglio

La Sala Cacciaguerra della Banca di Cesena sarà aperta dalle ore 20 per coloro che devono ancora associarsi, mentre le operazioni di voto inizieranno alle 21,15

Mercoledì nella Sala Cacciaguerra della Banca di Cesena in viale Bovio è prevista la prima assemblea dell’Associazione Amici della Biblioteca Malatestiana. Si tratta di un momento fondamentale per il nuovo sodalizio culturale che tanta attenzione ed altrettante adesioni ha registrato in città. All’ordine del giorno c’è, infatti, l’elezione del primo consiglio di amministrazione dell’Associazione - 9 membri più i 3 componenti del collegio dei revisori dei conti  - quello, per intenderci, che piloterà il nuovo organismo dalla fase costitutiva a quella operativa. Un consiglio che, come da statuto, durerà in carica due anni e al quale spetta il compito di mettere a punto progetti e iniziative alla cui elaborazione e attuazione sono chiamati tutti i soci.

E non c’è dubbio che la risposta sarà straordinaria, così come si è manifestata consistente la disponibilità a dar vita all’Associazione. Sono circa una ottantina gli aderenti, alcuni anche dalle città limitrofe. Molti di questi, formalizzeranno la propria adesione mercoledì prossimo prima dell’assemblea. La Sala Cacciaguerra della Banca di Cesena sarà aperta dalle ore 20 per coloro che devono ancora associarsi, mentre le operazioni di voto inizieranno alle 21,15. Nel frattempo è attivo presso la libreria Giunti al Punto di piazza Giovanni Paolo II (davanti al Duomo) un altro punto di raccolta delle iscrizioni. Successivamente sarà il consiglio ad eleggere il presidente dei prossimi due anni.

Il futuro e la potenzialità operativa e progettuale dell’Associazione dipenderanno dalla partecipazione dei soci che già hanno ampiamente condiviso tra loro gli obiettivi di fondo di svolgere opera di divulgazione e promozione del patrimonio librario, storico ed architettonico della Biblioteca Malatestiana, di potenziarne le raccolte librarie e documentali facendosi promotori di lasciati e depositi, di organizzare iniziative culturali che favoriscano la diffusione del libro, della lettura e della cultura, di promuovere la conoscenza di altre istituzioni simili in Italia e all’estero attraverso viaggi culturali appositamente organizzati.

Un progetto generale che verrà portato avanti in sinergia con il Comune e con il personale che già opera nella Malatestiana. A questo proposito, tra l’altro, c’è da prendere atto della disponibilità del sindaco Paolo Lucchi, già pubblicamente dichiarata, di fare riferimento all’Associazione come elemento fondamentale per l’organizzazione delle iniziative che gravitano intorno alla Biblioteca.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’Associazione Amici della Biblioteca Malatestiana elegge il primo consiglio
CesenaToday è in caricamento