rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Cronaca

Acqua, assicurazione da 15 euro in bolletta. Lucchi: "Rivedere il silenzio-assenso"

Per la nuova assicurazione contro le perdite occulte di acqua bisogna rivedere il meccanismo del silenzio-assenso. In sostanza, chi vuole la copertura la deve chiedere esplicitamente: è la richiesta del sindaco Paolo Lucchi

Per la nuova assicurazione contro le perdite occulte di acqua bisogna rivedere il meccanismo del silenzio-assenso. In sostanza, chi vuole la copertura la deve chiedere esplicitamente: è la richiesta del sindaco di Cesena Paolo Lucchi ai vertici di Hera. Nella missiva si spiega la necessità di rivedere il meccanismo di attivazione del Fondo di solidarietà contro le perdite d’acqua basato sul silenzio-assenso.

Questo il messaggio del sindaco Paolo Lucchi e dell’Assessore all’Ambiente Lia Montalti, in una lettera inviata al Presidente di Hera Tommaso Tomasi di Vignano. In discussione, si legge nella missiva, non è la necessità di tutelare i cittadini, in particolare le fasce economiche più deboli, di fronte ai costi da sostenere in caso di fughe accidentali o occulte. Da ripensare è il “metodo”: invece della adesione attraverso il silenzio-assenso con l’addebito di 15 euro sulla bolletta, bisogna pensare ad una adesione volontaria ed esplicita.

Già da ottobre verrà addebitato a carico dell’utente, direttamente in bolletta, il costo di 15 euro. Da tale adesione ci pare sia poi possibile recedere, senza costi aggiunti, entro 12 mesi, con la restituzione completa della somma. Scrivono Lucchi e Montalti: “Siamo consapevoli della necessità di tutelare soprattutto le utenze economicamente più deboli dagli oneri derivanti da fughe accidentali ed occulte e ci rendiamo anche conto della necessità di avere strumenti che possano sostenere i cittadini in queste situazioni. Ma riteniamo che la modalità di attivazione del Fondo - attraverso una adesione basata sul silenzio-assenso - sia da rivedersi e sia necessario optare per una adesione chiara e volontaria. Crediamo infatti opportuno, proprio per tutelare le utenze più deboli, che sia evidente la necessità di una chiara informazione e di una trasparenza massima, rispetto alla composizione della bollettazione ed ai costi sostenuti dai cittadini per il servizio fornito. Chiediamo pertanto al gestore di rivedere i meccanismi di attivazione del Fondo contro le perdite d’acqua, al fine di garantire la massima trasparenza e comprensione nei confronti dei cittadini”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acqua, assicurazione da 15 euro in bolletta. Lucchi: "Rivedere il silenzio-assenso"

CesenaToday è in caricamento