menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Colpo chirurgico al distributore sulla Secante: la Polizia inchioda i ladri

La coppia aveva colpito nel cuore della serata, incuranti del traffico sulla Secante e delle tante telecamere di videosorveglianza presenti in zona

Del big match del 'Dino Manuzzi' Cesena-Juventus non importava nulla. Per loro c'era ben altro in ballo. Fior fior di quattrini. E l'assalto messo a segno il 15 febbraio scorso al distributore di benzina Eni lungo la Secante, corsia Nord, aveva fruttato ben 8mila euro. Sembrava che tutto fosse andato secondo i piani. Ma i malviventi hanno commesso alcuni errori. Hanno lasciato delle tracce ben evidenti, non sfuggite agli agenti della Divisione Anticrimine del Commissariato di Polizia di Cesena.

Prove importanti, che hanno consentito agli inquirenti, coordinati dal sostituto procuratore Michela Guidi di chiedere un'ordinanza di custodia cautelare, firmata dal giudice Monica Galassi. I responsabili del colpo ora si trovano agli arresti domiciliari, dove stanno scontando un anno di reclusione per un simile precedente. Si tratta di Ionut Tugui, romeno di 31 anni, residente a Berra, e di Miroslav Kucerak, slovacco di 32, residente a Castel Maggiore.

IL FURTO - La coppia aveva colpito nel cuore della serata, incuranti del traffico sulla Secante e delle tante telecamere di videosorveglianza presenti in zona. Quest'ultime erano state oscurate per evitare l'identificazione. Nella circostanza i banditi avevano asportato la cassetta col denaro, dopo aver forzato la colonnina,fuggendo con un bottino di 8mila euro. Nessuno si era accorto di niente; d'altra parte l'azione era stata fulminea.

LE INDAGINI - All’indomani gli agenti della Squadra Anticrimine di Cesena, dopo accurati sopralluoghi nell’area di servizio, hanno rinvenuto elementi ed indizi che, opportunamente approfonditi, con una pervicace attività investigativa, ha consentito di circoscrivere i probabili autori del colpo. Infatti lo speciale modus operandi era stato riscontrato in altri episodi simili in uno dei quali in particolare, era stato tratto in arresto un cittadino di nazionalità slovacca. Nonostante avessero oscurato le telecamere, in alcune di queste l'occhio del "grande fratello" aveva già focalizzato il volto dei banditi e il mezzo utilizzato, un furgone.

PEDINAMENTI - Gli investigatori hanno localizzato i presunti responsabili del furto nel bolognese e ferrarese. Sono stati a lungo pedinati, soprattutto nelle domeniche, fino al 15 marzo. Qui sono stati bloccati ed arrestati in flagranza di reato per furto aggravato mentre stavano assaltando la colonnina blindata self service di un'area servizio Eni, a Corgeno di Vergiate (in provincia di Varese), dove erano giunti con un furgoncino ed un'auto. I ladri avevano già oscurato le telecamere e applicato tre fori alla blindatura. Pochi minuti e avrebbero messo le mani alla bellezza di 10mila euro. Colpo sventato.

SI CHIUDE IL CERCHIO - Le indagini hanno permesso di attribuire con validi elementi probatori ai predetti (tra cui i vestiti indossati la sera del 15 febbraio, trapani, batterie ed altro), anche il furto in precedenza commesso sulla Secante. La coppia si trova ai domiciliari, dove sta scontando un anno di reclusione per l'azione al distributore nel varesotto. "L’indagine - evidenziano gli inquirenti del Commissariato di Polizia - ha avuto il pregio di porre fine ad un sodalizio criminoso di particolare pericolosità dato che la perizia dimostrata nella commissione dei reati avrebbe consentito ai malviventi di continuare a metter a segno altre simili azioni. E’ da tenere presente che gli stessi all’atto dell’arresto non avevano telefoni cellulari (proprio per evitare di essere intercettati) a dimostrazione della loro precisione e scaltrezza". Sono in corso ulteriori accertamenti per chiarire se la coppia agisse con la complicità di altri individui.
                           

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Piccoli ma sorprendenti: i musei più curiosi dell'Emilia Romagna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento