Cronaca

Si invaghisce di una ballerina, ma la "cotta" diventa ossessione: arrestato

Un operaio incensurato ucraino di 32 anni, domiciliato in un comune della Valle del Savio, è stato arrestato dai Carabinieri della Compagnia di Meldola

Si era invaghito di una ballerina di un night club. A tal punto da tatuarsi sul petto il nome e dormire con una foto di lei vicino. Ma quella "cotta" si è trasformata col passare dei mesi in "ossessione". E così un operaio incensurato ucraino di 32 anni, domiciliato in un comune della Valle del Savio, è stato arrestato dai Carabinieri della Compagnia di Meldola con l'accusa di atti persecutori. Il giovane ha conosciuto la ragazza nel night sul finire della scorsa estate ed è stato un colpo di fulmine. Un sentimento non corrisposto, con la donna che ha cominciato a prendere le distanze. Lo spasimante non si è dato per vinto, chiamandola o invandole dei messaggini. Quindi, secondo quanto ricostruito dai militari, si è cimentato in una serie di appostamenti fin sotto casa o sul luogo del lavoro. In un'occasione, il 3 maggio scorso, ha preso a calci il portone di casa, arrivando persino a minacciarla di morte.

Sei giorni più tardi la donna ha deciso di sporgere denuncia, riferendo i fatti all'Arma. Su consiglio degli investigatori, la giovane si è allontanata dalla Romagna per raggiungere la famiglia. Nel frattempo il 32enne ha continuato a cercarla telefonicamente, minacciando che avrebbe svelato il lavoro che faceva ai parenti (da qui anche il capo d'imputazione per estorsione). Rientrata in Romagna, la malcapitata è stata più volte costretta a dormire fuori casa per non esser intercettata. Ma lunedì scorso si è ritrovata con l'uomo sotto casa. A quel punto ha chiamato il 112. Il 32enne è stato identificato e trovato in possesso di un paio di forbicine. Ha spiegato che le usava per tagliarsi le unghie, ma è stato comunque denunciato per porto abusivo di oggetti atti ad offendere. Arrestato per stalking, dopo aver trascorso la giornata di martedì ai domiciliari su disposizione del pubblico ministero Federica Massima, è comparso in tribunale per il processo. Il giudice Giorgio Di Giorgio, che ha convalidato l'arresto, ha disposto il divieto di avvicinamento a meno di 500 metri di distanza dalla ragazza e ai luoghi da essa frequentati e il divieto di contattarla.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si invaghisce di una ballerina, ma la "cotta" diventa ossessione: arrestato

CesenaToday è in caricamento