Arena San Biagio, torna il cinema sotto le stelle: docufilm sul Covid e dal 1 luglio si parte con "Joker"

I posti a sedere saranno contingentati: a causa delle restrizioni imposte dal Covid a disposizione dai 140 ai 200 posti circa

Ritorna il cinema all'aperto all'Arena San Biagio, con l'unica limitazione dei posti a sedere che, a causa dell'emergenza sanitaria, saranno contingentati: saranno a disposizione dai 140 ai 200 posti circa, dipendentemente se i paganti saranno single, coppie o famiglie.

L'attività riprenderà dal 1 luglio al 13 settembre e sarà gestita da St/Art, una cooperativa di Ravenna, fondata negli anni 90 da Franco Calandrini, Maria Martinelli e Stefano Mordini che si occupa di promozione, diffusione e formazione dell'arte cinematografica. Dopo la chiusura problematica con i precedenti gestori, Cineforum Image, il Comune ha dato in gestione gratuita l'Arena per questi due mesi e mezzo estivi, in attesa di riformulare un bando per trovare un gestore che si assuma l'impegno sia dello spazio invernale che di quello estivo del San Biagio. Nel frattempo, però, l'estate post-covid, nonostante tutto, è salva. "Ora tocca all'Arena San Biagio - ha spiegato l'assessore alla cultura Caro Verona - che aprirà venerdì 26 giugno con il docufilm sul Covid "In un tempo sospeso" (ingresso gratuito dalle 21 con prenotazione). Tra qualche giorno al Chiostro di San Francesco, poi a Villa Silvia e infine all'estate della Rocca. Piano piano, e per la felicità di molti cesenati, rientriamo in una sorta di normalità".

La programmazione di St/Art prevede 68 serate di cui un giorno fisso per i film dedicati ai più piccoli, il venerdì (con biglietto ridotto a 5 euro). Saranno 9 gli appuntamenti dedicati alle famiglie in cui film action live e film d’animazione si alterneranno per tutta la stagione. I film sono molto popolari e collegati alla stagione passata, ma c’è un titolo a cui il gestore tiene molto, trattandosi di un caposaldo dell’animazione italiana e internazionale, a cui si collega una doppia ricorrenza: “La Freccia azzurra” di Enzo D’Alò, in programmazione venerdì 10 luglio, copia restaurata per in occasione del suo venticinquennale (e che sarebbe dovuta uscire a marzo, ma bloccata dalla pandemia) ma ancora più importante, la ricorrenza del centenario della nascita di Gianni Rodari, un gigante della letteratura per l’infanzia del secolo scorso, dal cui omonimo racconto il film prende spunto. Ma parlando di centenari certo non si può ignorare quello del Maestro Federico Fellini, di cui la Cineteca di Bologna ha restaurato cinque capolavori: il 28 luglio alle 21,30 sarà proiettato il suo capolavoro visionario "8 e mezzo" e il 6 agosto uno dei titoli che per la nostra terra, ma non solo, rappresenta un vero e proprio monumento: “Amarcord”, sempre alle 21,30.

Approfittando dello spunto dato dalla Cineteca di Bologna: lunedì 10 agosto, alle 21, e non più alle 21,30, sarà proiettato quella che Francis Ford Coppola considera la versione più rappresentativa, la copia restaurata in 4K nel 2019 da American Zoetrope in collaborazione con L'Immagine Ritrovata presso il laboratorio Roundabout a partire dal negativo camera originale di Apocalypse Now - Final Cut,  un’opera che in un’arena all’aperto trova la sua destinazione naturale e che durando 183 minuti, non può che inziare mezz’ora prima e in tal modo ci traghetta alla seconda parte della stagione che,  in cui il film, fino al 13 settembre, inizieranno alle 21.
"Abbiamo diviso la programmazione in tre parti - spiega Franco Calandrini, direttore artistico di St/Art - la prima, come detto, rivolta ai bambini, la seconda al film d'autore, nel nostro caso Fellini, e la terza parte ai film più commerciali, ma scelti sempre nell'ottica della qualità. I gusti del pubblico sono vari ed è giusto cercare di accontentarli il più possibile".

Tra i film più popolari della stagione cinematografica appena terminata verranno proiettati: "Piccole donne", "La dea fortuna", "Joker" con cui si parte, il bellissimo "Jo Jo Rabbit", "Mio fratello rincorre i dinosauri", "Figli", "18 regali". E questi solo per citarne alcuni.
I film sono programmati fino a domenica 6 settembre perché dal 7 al 13 settembre saranno proiettate le pellicole annullate per mal tempo o, se l’estate è stata clemente, saranno replicati i maggiori successi della stagione. Tornando al programma, il fine settimana sarà dedicato a film più popolari o spettacolari, il lunedì al cinema italiano; tra martedì e giovedì si sviluppa un programma in cui film d’autore pluripremiati e film molto popolari si alternano senza uno schema prefissato.

Tra martedì e giovedì si colloca anche parte della nostra storia, con la proposta di due documentari consigliati da Kamera Film, la società di produzione che affianca la Start Cinema, “Berlino Est Ovest” di Enza Negroni, documentario che prende le mosse dal ritrovamento dell'archivio del manager musicale bolognese Maurizio Stanzani e ripercorso a distanza di trent’anni, da Manuel Agnelli che, nella Berlino divisa, ha vissuto e ricercato quelli che erano i suoi miti musicali (David Bowie, Einstürzende Neubauten, Iggy Pop)e “Il Drago di Romagna” di Gerardo Lamattina, il primo film sul gioco del Mah Jong a Ravenna, un singolare esempio di ibridazione culturale tra Cina e Romagna. Previste inoltre le proiezioni di altri due film che hanno preso parte all’ultima edizione di Ravenna Nigthmare Film Fest:: si inizia il 23 luglio alle 21,30 con  il distopico e quanto mai attuale “Sons Of Denmark” di Ulaa Salim, ambientato nella Copenaghen di un futuro assai prossimo in cui niente è come appare. Un thriller esplosivo che, sulle orme di Martin Scorsese e Jacques Audiard, fonde politica, famiglia e poliziesco. Si chiude la stagione con il film vincitore di Locarno 2019, “9 Doigts” del regista cult Frédéric ­Jacques Ossang, ospite della passata edizione del Ravenna Nigthmare Film Fest.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non sarà aperto il bar all'interno dell'Arena, quindi acqua e pop corn vanno portati da casa e non ci si può prenotare. Se i posti saranno esauriti si tornerà a casa, ma vista la buona capienza dell'Arena San Biagio sarà una situazione che difficilmente si presenterà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, il bollettino di domenica: nuovi contagiati con sintomi

  • Il forte odore allarma i vicini, non dava notizie da 12 giorni: trovato morto in casa

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento