menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Baby-arbitro schiaffeggiato da un genitore spettatore: netta condanna

Si stanno moltiplicando, specialmente sul web, le voci di condanna nei confronti di un episodio di violenza in campo avvenuto in un torneo giovanile di basket

Si stanno moltiplicando, specialmente sul web, le voci di condanna nei confronti di un episodio di violenza in campo avvenuto in un torneo giovanile di basket, l'Eurocamp pasquale a Cesenatico. Nella serata di Pasquetta, a margine di una partita, uno spettatore di 47 anni ha aggredito un giovane di 16 anni, impegnato come arbitro all'interno del torneo. In particolare il ragazzo è stato schiaffeggiato, a quanto sembra nel corso di una contestazione di un supposto cattivo arbitraggio di una precedente partita.

L'episodio ha decisamente rovinato l'atmosfera festosa della competizione sportiva. La vicenda è stata anche censurata con una nota ufficiale pubblicata dalla FIPCRER, vale a dire il comitato regionale dell'Emilia-Romagna della Federazione italiana della Pallacanestro: "Il gruppo arbitri e istruttori del 18° Torneo di Pasqua all'Eurocamp e il CIA Regionale Emilia-Romagna, nel rispetto delle squadre che, con la massima correttezza, hanno raggiunto il giusto riconoscimento di quattro giorni di sana e leale competizione sportiva arrivando alle fasi finali, stigmatizzano e condannano fermamente gli episodi di violenza verificatisi nella giornata di lunedì 28. Prima delle gare di finale è stato dunque osservato un momento di riflessione affinché la violenza non possa intaccare il valore educativo dello sport”. Nel corso del minuto si riflessione è stato esposto uno striscione con l'hashtag che condanna le violenze nell'ambito sportivo “#noallaviolenza” che presto è rimbalzato in diversi post e articoli di siti specializzati su Facebook.

Per altro non sarebbe stato l'unico episodio durante il torneo. Lo spiega il sito “Il teodorico” del Csi di Ravenna: “Alcuni episodi che hanno macchiato il lavoro fatto da circa 150 persone tra arbitri, mini-arbitri ed istruttori al seguito. Il primo episodio riguarda un genitore che ha cercato di aggredire un mini-arbitro “prendendo in prestito” una stampella ad una ragazza infortunata che incredula stava assistendo alla partita, mentre il secondo è stata una vera e propria aggressione ad un arbitro di 16 anni schiaffeggiato da un genitore in tribuna”. Purtroppo in entrambi i casi il brutto spettacolo in campo è arrivato dai genitori e non dai bambini, come spesso succede in questi casi.

Solidarietà anche dalle Marche: “Ovviamente anche CIA Marche, insieme all'intero Comitato Regionale, manifesta la propria massima solidarietà verso l'arbitro junior protagonista involontario di un incredibile episodio di violenza capitato nel corso 18° Torneo di Pasqua all'Eurocamp”. Condanna infine da Michela Brunelli, delegata provinciale della FIP, che scrive su Fb: “Quanto accaduto ci fa capire che i primi a dover essere educati sono proprio i genitori, i dirigenti, tutti coloro che hanno il privilegio di seguire un movimento giovanile. Senza arbitri e senza avversari nessuna competizione sarebbe possibile. Eurocamp continua, con sempre maggiore convinzione, il suo vivere e credere nei valori che lo sport ci dona. Massima solidarietà agli arbitri, agli istruttori arbitri e a quanti ogni giorno si prodigano con grande serietà e dedizione a far crescere questi ragazzi, soprattutto da un punto di vista umano. Riflettiamoci su... Tutti”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento