rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Cronaca Savignano sul Rubicone

Approvato il bilancio di previsione 2023: in arrivo i lavori di riqualificazione di viale della Libertà

Il Sindaco Giovannini sottolinea: “Abbiamo cambiato il volto dei luoghi di Savignano, rendendole la bellezza che merita”

Arrivano i lavori in viale della Libertà e al parco di Valle Ferrovia. Nella seduta di ieri sera, mercoledì 21 dicembre, il Consiglio Comunale ha approvato il bilancio di previsione 2023, in cui trovano spazio grandi opere come la realizzazione del Parco Valle Ferrovia, 1.006.479 grazie ai quali si darà l’avvio alla costruzione del polmone verde più grande del Rubicone e oltre, la manutenzione di viale della Libertà (500 mila euro) e della ciclabile di via Bastia (oltre 290 mila euro).

Dopo aver dedicato progetti e risorse al centro storico con la riqualificazione delle due piazze nel cuore cittadino, aver risolto l’ingresso est alla città con il nuovo anello di via Alberazzo, aver contribuito in maniera decisiva al Parco archeologico del Rubicone e alla Bretella, non perdendo però di vista la gestione ordinaria (2 milioni investiti nella riqualificazione delle strade comunali), l’Amministrazione Comunale affronta altri nodi come la riqualificazione di viale della Libertà, e spingendosi a immaginare il futuro, da il via ai lavori per il parco di Valle Ferrovia.

Il bilancio approvato ieri sera riguarda il triennio 2023/2025 ed è stato elaborato in un momento storico del tutto particolare che sta ancora facendo i conti con gli anni della pandemia, oltre che con la crisi economica mondiale, la guerra, il caro energia, l’aumento a doppia cifra dell’inflazione. “Occorre rimarcare – ha detto l’Assessore al Bilancio Francesca Castagnoli - che in tutto questo le istituzioni ci sono state vicine e mi riferisco in particolar modo all’Unione Europea che con il meccanismo del Pnrr ci offre una leva eccezionale di cui abbiamo saputo davvero fare incetta partecipando a numerosi bandi, anche attraverso l’Unione Rubicone e mare. Abbiamo quindi potuto dar sfogo alle nostre progettualità nonostante la complessità del momento”.

Le entrate ammontano a 9.636.000 euro, le spese in conto capitale sono 2.583.184 euro. Sul fronte delle entrate tributarie non sono stati applicati aumenti di aliquota: il gettito Imu è previsto in euro 3.500.000, il gettito dall’addizionale comunale e dall’addizionale Irpef previsto è di 1.150.000 (contro i 950.000 del 2022) mentre le attività di recupero dell’evasione, su cui il Comune di Savignano sul Rubicone è particolarmente attivo, sono stimate in 389.660. Dal fondo di solidarietà comunale entrano 2.114.223, dato in aumento rispetto a quello degli scorsi anni mentre le entrate extra tributarie sono stimate in 1.632.735 euro.

In attesa di conoscere l’andamento dei costi energetici e in generale dei costi per i servizi e la disponibilità di eventuali supporti a copertura – ha spiegato l’Assessore Castagnoli - l’Amministrazione fa i conti con il contesto presente, per svincolare e utilizzare l’avanzo libero e finanziare ulteriori investimenti in conto capitale tramite variazioni di bilancio, anche mensili, che si renderanno possibili nel corso dell’anno. Le entrate in conto capitale previste quindi in 1.432.636 euro. La spesa corrente del 2023 ammonta a 9.263.799, la spesa per il personale si assesta in 1.607.159 euro, con una leggera flessione rispetto all’anno precedente. I già citati 2.583.183 di spese in conto capitale sono destinati, come in parte anticipato, alla realizzazione del parco di Valle Ferrovia (1.006.479), alla manutenzione di viale della Liberta (500.000), alla riqualificazione della Biblioteca di corso Vendemini (547.015 euro) e della pista ciclabile di Via Bastia (292.653 euro). Altri 90 mila euro saranno utilizzati per l’efficientamento energetico del palazzo comunale, poco più di 80 mila per lavori di lavori manutenzione di strade e piazze, 60 mila euro per opere e arredi in ambito cultura.

Il bilancio di previsione 2023 giunge dopo un 2022 già fertile. Il riferimento è ai fondi Pnrr intercettati e impiegati, ad esempio ai 560.000 euro destinati all’acquisto della sede per il Centro per l’impiego di Forlì-Cesena, ai 560.000 euro per la sistemazione degli impianti nelle scuole Freccia Azzurra e Gallo Cristallo, ai 300.000 di contributi intercettati e dirottati sulla messa in sicurezza di edifici pubblici e ai quasi 350 mila per l’efficientamento energetico della sede municipale e degli alloggi Erp e delle considerevoli cifre di 540.000 per i lavori di riqualificazione della biblioteca di corso Vendemini e di 300 mila euro per piste ciclabili. In totale nel 2022 sono stati investiti circa circa 2.700.000 euro ai quali vanno aggiunti quelli che, tramite l’Unione Rubicone e mare, hanno permesso di sostenere i servizi per l’area anziani e di raddoppiare i posti di asilo nido di qui al 2026, in modo da agevolare le famiglie, per le quali si è inoltre aumentato il fondo delle ore di sostegno per la disabilità.

Il welfare, ha sottolineato il Vicensindaco Nicola Dellapasqua, racconta i propri risultati nel bilancio dell’Unione Rubicone e mare ma le politiche attuate dalla Giunta Giovannini sono chiare. Tra i risultati raggiunti si segnala in particolare il percorso verso l’autonomia delle persone in condizioni di fragilità economico-sociale, grazie ai 50 inserimenti in percorsi lavorativi.

Da ricordare gli ottimi risultati raggiunti sul fronte della raccolta differenziata che, ha anticipato l’assessore Bertozzi, ha raggiunto quota 72,9% soddisfacendo i parametri regionali ed europei. Dal 1 gennaio 2023 per la raccolta dei rifiuti entrerà a regime un cambiamento epocale con il passaggio alla tariffa puntuale. Sul versante sicurezza, la nuova sede della Polizia locale in piazza Giovanni XXIII è è una realtà già da alcuni mesi mentre continuerà l’attenzione alla sicurezza stradale attraverso l’installazione di velo-ok e di camminamenti pedonali illuminati.

Anche le politiche giovanili troveranno un punto di sintesi nel prossimo anno di amministrazione, in cui è tra le priorità l’apertura di aule studio in centro storico in palazzo Don Baronio, e spazi di co-working, tra i primi obiettivi del mandato Giovannini. Intenso anche il lavoro in ambito sportivo, che ha regalato anche punte di eccellenza come l’accoglienza del combattimento di Matteo Signani mentre il 2023 vedrà Savignano città di tappa del Giro d’Italia.

“Sono orgoglioso di dire che molti luoghi di Savignano da otto anni ad oggi hanno cambiato volto – ha detto il Sindaco Filippo Giovannini -. Un esempio fra tutti, l’alveo del Rubicone che è diventato davvero un riferimento identitario per la città e un posto in cui è piacevole trascorrere tempo in relax e un punto della mappa estiva dei giovani. Ringrazio la mia squadra, gli uffici e i funzionari per quanto fatto con noi fino ad oggi. Se guardiamo indietro e ricordiamo ciò che abbiamo affrontato riusciamo a misurare la portata degli sforzi compiuti e soprattutto quanto è stato realizzato e quanto ancora si può realizzare insieme – afferma, con un momento di intensa commozione, il Sindaco Filippo Giovannini -. Non è stato certamente facile, la complessità è la sfida di questi nostri tempi. Continuiamo a progettare e prepararci perché il lavoro da fare è tanto e altrettanta la voglia e la spinta a fare sempre più e meglio”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Approvato il bilancio di previsione 2023: in arrivo i lavori di riqualificazione di viale della Libertà

CesenaToday è in caricamento