Aperto il Servizio di Accoglienza notturna per l’emergenza freddo

E' stato infatti attivato sabato un servizio di accoglienza notturna gestito in concorso con A.S.P. Cesena Valle Savio, con la collaborazione dell'Associazione Mater Caritatis

Anche quest’anno il Comune di Cesena intende dare risposta al problema di coloro che, per varie ragioni, dormono all’addiaccio in città, anche in considerazione del grave rischio per la salute connesso alle temperature rigide che caratterizzano l’inverno. E’ stato infatti attivato sabato un servizio di accoglienza notturna gestito in concorso con A.S.P. Cesena Valle Savio, con la collaborazione dell’Associazione Mater Caritatis.

L’accoglienza è allestita nei locali del complesso ex Roverella (via Strinati 59), di proprietà dell’A.S.P. Distretto Cesena Valle Savio. Sono messe a disposizione 5 stanze dotate di biancheria, nelle quali sono stati allestiti 15 posti letto (4 donne e 11 uomini), e 2 bagni. L’accesso è previsto solamente a persone maggiorenni che non hanno un ricovero notturno, con priorità per i residenti nel Comune di Cesena. Il servizio è attivo dalle ore 20 alle ore 8, l’accoglienza degli ospiti avviene unicamente dalle ore 20 alle ore 21.

E’ proibito agli ospiti portare all’interno della struttura bevande alcoliche, sostanze stupefacenti, animali, oggetti pericolosi e tenere comportamenti irrispettosi dei locali, degli arredamenti e degli altri ospiti. Gli ospiti possono usufruire anche di un servizio doccia in alcune serate messo a disposizione dall’Associazione Mater Caritatis.

Gli utenti sono accolti solo se in possesso di apposita autorizzazione rilasciata dagli operatori dell’Associazione Mater Caritatis presso il Centro di Ascolto. Se la persona si presenta all’accoglienza sprovvista di autorizzazione, è consentita la permanenza per una sola notte. Il giorno dopo la persona deve fare richiesta al Centro d’Ascolto se desidera soggiornare ulteriormente. In ogni momento sarà presente un operatore con funzioni di vigilanza sull’intera struttura, accoglienza e accompagnamento degli utenti. Nella fase di accoglienza, dalle ore 20 alle ore 23, saranno presenti due operatori, che possono essere affiancati anche da operatori volontari individuati dall’Associazione Mater Caritatis.

Secondo i dati condivisi nell’ultima riunione del ‘tavolo povertà’ (lo scorso 18 settembre), a Cesena il reddito medio si attesta intorno ai 17.229 euro (redditi 2010 dichiarati nel 2011), ma si contano quasi 26mila redditi sotto 7500 euro, e di questi quasi 17mila sono inferiori ai 2500 euro. Nonostante il perdurare della crisi, il trend d’attività dei Servizi sociali negli ultimi anni è rimasto costante, con poco meno di 1300 famiglie in carico e circa 2000 anziani seguiti in varie forme. Gli accessi allo sportello sociale nel primo semestre del 2012 sono stati 571, in linea con l’andamento 2011. Oltre 800 all’anno le famiglie aiutate nell’ultimo biennio con progetti di intervento socio-economico: dopo il picco di richieste registratosi nel 2010 con i primi effetti della crisi sul territorio, nei primi sei mesi di quest’anno i nuclei assistiti sono stati 654, con un turn over del 41% rispetto al 2011.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sostegno offerto ai lavoratori colpiti dalla crisi a partire dal 2009 ha permesso di aiutare altre 248 famiglie, mentre solo nel primo semestre 2012 sono state attivate un centinaio di borse lavoro per favorire il riavvicinamento al mercato di disoccupati, utenti in condizioni di disagio sociale e giovani con problemi. Il problema della casa rimane ancora un tasto dolente: 225 le procedure di sfratto registrate fra gennaio e luglio (238 nel 2011). I servizi sono riusciti a mettere a punto una nuova procedura operativa per intervenire preventivamente: non appena c’è la sentenza esecutiva comincia un percorso per aiutare la famiglia a trovare una nuova sistemazione, in modo da evitare che si trovi, anche per poco, in mezzo a una strada.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento