rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Cronaca

Stroncata dal Coronavirus, il nipote: "E' morta sola, una tragedia che capisci quando ti colpisce"

Un'anziana di 87 anni, morta sola, in una stanza dell'ospedale, senza poter stringere la mano di nessun caro. La testimonianza del nipote

E' morta sola, stroncata dal coronavirus, in una stanza dell'ospedale, senza poter stringere la mano di nessun caro. Suo nipote e sua sorella, entrambi cesenati, non sono potuti nemmeno andare a salutarla, a darle un ultimo abbraccio.

Stiamo raccontando la storia di una signora di 87 anni, che trascorreva sei mesi in Riviera e sei mesi a Bologna, con due figlie, una sorella, e due nipoti.  Una signora senza problemi di salute, arzilla e vivace, ma che, entrando in contatto col virus, non ha avuto scampo.

Abbiamo parlato con suo nipote, che abita a Cesena.

Quando ha contratto il virus sua zia?

Pensiamo che possa averlo contratto dal 25 al 27 febbraio. In quel periodo ha avuto una visita medica, in un ambulatorio di Bologna, ed è andata a fare la spesa, mantenendo già tutte le precauzioni del caso.

Quando ha iniziato a stare male?

E' stata accompagnata in riviera da una nipote il 28 febbraio. Andava a fare la spesa due volte alla settimana e portava fuori il cane una volta al giorno con tutte le precauzioni dovute, senza aver avuto contatti con altre persone residenti da almeno due settimane. La sua intenzione era stare nella sua casa del mare per qualche settimana, ma l'8 marzo ha dovuto chiamare una nipote di Bologna perché non si sentiva troppo bene. Lunedì era già nella sua casa di Bologna e le è iniziata la febbre, giovedì non respirava più bene, hanno dovuto sedarla per portarla all'ospedale perché non ci voleva andare. Domenica è morta.

Sono stati fatti tutti i controlli alle persone che le sono stati vicino?

Certo. E' stato avvisato il sindaco del comune della Riviera anche se lei non è mai uscita e i parenti sono stati messi in quarantena. La figlia ha già la febbre a 38 ed è in lista d'attesa per sottoporsi al tampone. La nipote, che è asintomatica ma l'ha accompagnata con l'auto, farà il tampone domani o domani l'altro. Quello che sta accadendo è una vera tragedia che si può capire fino in fondo se si ha la sfortuna di esserne coinvolti.

Quindi sua madre, che è la sorella della signora morta, e lei, che è il nipote, non avete potuto nemmeno dare un ultimo saluto?

No, ma non solo noi. Nemmeno le figlie. Una nipote l'ha vista da lontano mentre è stata portata via in ospedale. E basta. Non potrà nemmeno avere il funerale. E a mia madre, che ha perso una sorella, non posso nemmeno dare un abbraccio perché viviamo in zone diverse di Cesena.

Cosa si sente di consigliare?

Di stare molto attenti. So che dirò una cosa già sentita, ma la verità - anche banale - brucia di più quando ti coinvolge. E' un virus molto contagioso, e quindi bisogna stare veramente attenti a tutto. Non si scherza e colpisce tutti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stroncata dal Coronavirus, il nipote: "E' morta sola, una tragedia che capisci quando ti colpisce"

CesenaToday è in caricamento