Anche la Diocesi di Cesena-Sarsina ricorda la festa del lavoro

L’incontro si aprirà con alcune testimonianze di ospiti e operatori della struttura a cui seguirà la Messa presieduta dal vescovo Douglas e animata da dipendenti, ospiti, volontari e amici del “Don Baronio”

Anche la Diocesi di Cesena-Sarsina ricorda la festa del lavoro. E lo fa con un pomeriggio dal titolo “Frutto della nostra terra, del lavoro di ogni uomo”. Il momento, ormai tradizionale, è stato pensato e organizzato dall’Ufficio diocesano per i problemi sociali e il lavoro. Si terrà sabato a partire dalle 16,30 nei locali della Fondazione “Opera don Baronio onlus”, in via Mulini, 24 a Cesena.

“Il lavoro – è stato ricordato nei documenti preparatori della Settimana Sociale che si è svolta a Cagliari nell’ottobre scorso – dice prima di tutto di quanto amore c’è nel mondo: si lavora per vivere con dignità, per dar vita a una famiglia e far crescere i figli, per contribuire allo sviluppo della propria comunità”. L’incontro si aprirà con alcune testimonianze di ospiti e operatori della struttura a cui seguirà la Messa presieduta dal vescovo Douglas e animata da dipendenti, ospiti, volontari e amici del “Don Baronio”.

“Sarà una festa – dice il direttore dell’Ufficio diocesano Marco Castagnoli – un’occasione per tutti per educarci al senso del lavoro e della festa. Per ricordarci che la festa è un’invenzione di Dio, è uno sguardo amorevole e grato sul lavoro ben fatto”. Al termine seguirà un momento conviviale aperto a tutti gli intervenuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

  • Medicina, moda e ricerca: le tre eccellenze cesenati per il premio Malatesta Novello

Torna su
CesenaToday è in caricamento